piacere, comfort e gioia

23 Jan 19

Ieri sera all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo parlato di cose belle, delle cose che ci danno energie, che ci fanno stare bene. Sempre partendo dalla “ruota della bestia”, per ogni aspetto abbiamo cercato qualcosa di importante, quella cosa per cui ci siamo dati i punti, pochi o tanti che siano…

E, tra le cose che ci piacciono, abbiamo parlato della differenza fra piacere, comfort e gioia, pensando ai loro effetti prima, durante e dopo:

  • le cose che ci danno piacere hanno un piccolo problema, possono darci tanta energia quando le “troviamo” ma possono creare dipendenza e possono lasciarci ancora peggio dopo; normalmente richiedono poco sforzo e poca attesa, sono immediate, ed effimere. Sono distrazioni e divertimenti che ci fanno stare bene un momento e poi ci lasciano l’amaro in bocca della malinconia e della sensazione di mancanza. Ci fanno ridere forte, ma poco;
  • le cose che ci danno comfort possono, invece, essere delle vere e proprie trappole. Crediamo di volere una cosa ma in realtà l’abbiamo solo scelta perchè crediamo di non poter avere quello che vogliamo veramente. Sono anche queste distrazioni, ma, a differenza delle prime n cui il senso di vuoto arriva appena spariscono, queste… ci lasciano una finta sensazione di benessere che spesso non sparisce finchè non la guardiamo in faccia quando ormai è passato del tempo. Ci fanno sorridere senza troppa convinzione;
  • le cose che ci danno gioia e serenità, una felicità duratura, spesso richiedono di essere costruite, hanno scadenze lunghe e combinano il piacere del viaggio con quello delle mete intermedie e della meta finale. Queste, non spariscono, e non arrivano. Vanno costruite, sono il vero obbiettivo della nostra esistenza e ci fanno sorridere da dentro, dal proffondo…

Cosa ne pensate? C’eravate all’incontro? Qualcosa da aggiungere? Venite al prossimo che continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Questa settimana è uscito l’ultimo libro di Paolo Borzacchiello, scritto a quattro mani con Paolo Stella del affascinante titolo Colleziona attimi di altissimo splendore e io, chiaramente, l’ho preso e letto appena uscito, ancora caldo di stampa e me lo sono goduto splendidamente.

S come sfortuna e sfida

S come sfortuna e sfida

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che abbiamo raccolto insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è sfortuna, sfiga, sventura. È una parola da evitare perchè è una trapola in cui nasconderci quando non vogliamo cambiare.