per sicurezza

Due settimane fa abbiamo parlato del fatto che viviamo in un mondo che è governato dal culto del “facile“. Oggi, con tutto il sistema che ci dice di non andare nel panico ma di tenerci alla larga da tutti, voglio parlare del culto della sicurezza, che ci rende paradossalmente, sempre più insicuri.

Si, alla fine parlerò anche io di coronavirus, dei danni che sta causando il modo in cui stanno gestendo l’emergenza e le parole usate per descriverla.

Tutto è iniziato con delle notizie allarmanti dalla Cina, in cui stava morendo “molta gente” per una malattia nuova molto contagiosa. L’hanno definita epidemia e hanno parlato di rischio pandemia. Allora, io non sono virologo ma il mio mestiere sono le parole e, dalle definizioni del dizionario, non c’erano i requisiti per parlare nè di una nè dell’altra.

Ma, oltre alla minaccia di una (possibile? probabile? futura?) morte di un numero imprecissato di persone, cosa su cui nemmeno gli scienziati si mettono d’accordo; il problema oggi è diventato “reale” per molte persone per via delle decisioni del sistema per prevenirlo.

Nella realtà abbiamo gente sempre più spaventata, al punto di prendersela con cinesi e chiunque sommigli un cinese perchè con qualcuno deve prendersela. I supermercati presi d’assalto e tutti che accettiamo di rinunciare a libertà e diritti.

E, la cosa peggiore, una economia che sta facendo fatica e quando l’economia fa fatica si sa che alcuni piccoli muoiono e non di coronavirus. Perchè le grandi aziende stanno mandando la gente a telelavorare da casa ma i piccoli imprenditori e le partite iva, quelle stanno perdendo soldi che non recupereranno così facilmente.

Come ho detto non sono un virologo, e nemmeno un politologo esperto capace di dire se quello che dicono i cinesi sia vero o se stiano nascondendo dei morti sotto il tappetto, nè un complottista che dice che il virus è stato creato in laboratorio per ammazzarci tutti.

Sono solo una persona che ha fatto dell’uso corretto delle parole, della consapevolezza e della responsabilità individuale il proprio mestiere perchè cicrede veramente nelle capacità degli essere umani. Ed è per questo che da queste linee, che so che leggono ancora in pochi, vi lancio un invito a farvi domande, e a non accettare tutto per paura.

Che ne dite? Proviamo? Vi va?

2 Comments

  1. Patty

    Si grazie. Voglio saperne di più…e sono d’ accordo col nn farci prendere dal panico…

    Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.

Il principe dimenticato (2020)

Il principe dimenticato (2020)

Oggi mi sono guardata di nuovo un film con Omar Sy, il principe dimenticato, come in famiglia all’improvviso, una bellissima storia di un padre e di sua figlia. In questo caso, ambientata in due mondi, quello reale e quello della fantasia.

spronare

spronare

Quando dico che sono una life coach molti rispondono “ah, sei una motivatrice!”. In realtà, no. Per come lavoro io, parlare di motivazione è spesso troppo superficiale, infatti non sempre funziona, io cerco di lavorare su un livello un po’ più profondo.

si stava meglio

si stava meglio

In questi giorni in cui la maggior parte dei miei amici e conoscenti discute sulle misure contro il COVID, tra i commenti su mascherina si o mascherina no, e vaccino si o vaccino no… qualcuno è risucito a tirare fuori il famoso “si stava meglio quando si stava peggio”.