consapevolezza

Dopo il weekend a parlare del significato delle parole ho pensato che sarebbe importante dedicare un post e parlare al prossimo evento di facciamo pace alla parola che probabilmente uso di più nei miei discorsi come coach: consapevolezza. Secondo wikipedia sarebbe la cognizione o coscienza di qualcosa, ed etimologicamente viene da sapere insieme ad altri.

La consapevolezza è uno strumento fondamentale soprattutto nei giorni nostri in cui l’ignoranza, il giudizio e la negazione sono all’ordine del giorno.

La consapevolezza è lo strumento con cui possiamo portare luce nel nostro buio, comprendere la realtà anche se non è come l’avremo voluta e fare quelle scelte che altrimenti sembrano impossibili e che possono cambiare tutto quello che voremmo diverso.

Come dicevo, i suoi nemici sono l’ignoranza (non lo voglio sapere, non m’interessa il perchè), il giudizio (non è giusto, non è corretto) e la negazione (non è vero), che ci portano solo ad ingarbugliare ulteriormente la matassa dei nostri pensieri, rendendoci sempre più schiavi della nostra mente.

La consapevolezza di sè, dell’altro, delle relazioni e delle leggi che regolano situazioni, dinamiche, casualità e causalità è il primo passo per poterle comprendere e, se necessario, modificare.

Vi ispira? Continuerò ad aggiornarvi e a lavorare  nella futura versione per adulti, vi piacerebbe partecipare?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Il drago dei desideri (2021)

Il drago dei desideri (2021)

Anche questa settimana mi sono guardata una commedia americana, I care a lot, una storia di truffatori, una truffa agli anziani molto più soffisticata del solito, che funziona fino a quando si scontra con qualcuno più forte e più cattivo.

l’erba blu…

l’erba blu…

Dicono che c’era una volta un uomo rimasto vedovo che si trovò da solo a prendersi cura delle sue due figlie, due bambine molto intelligenti e assai curiose, tanto che prima di fare qualsiasi cosa, ponevano mille domande al padre, spesso sembrava si divertissero a metterlo in difficoltà.

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Aiutare i genitori ad aiutare i figli (2019)

Siccome in questo periodo sto lavorando molto sulla genitorialità, mi sono letta Aiutare i genitori ad aiutare i figli. Problemi e soluzioni per il ciclo di vita,  di Giorgio Nardone. Un bellissimo libro sulla terapia indiretta, in cui i genitori assumono il ruolo decisivo di “coterapeuti” e diventano gli “specialisti” più vicini a cui i figli possono affidarsi.