consapevolezza

Dopo il weekend a parlare del significato delle parole ho pensato che sarebbe importante dedicare un post e parlare al prossimo evento di facciamo pace alla parola che probabilmente uso di più nei miei discorsi come coach: consapevolezza. Secondo wikipedia sarebbe la cognizione o coscienza di qualcosa, ed etimologicamente viene da sapere insieme ad altri.

La consapevolezza è uno strumento fondamentale soprattutto nei giorni nostri in cui l’ignoranza, il giudizio e la negazione sono all’ordine del giorno.

La consapevolezza è lo strumento con cui possiamo portare luce nel nostro buio, comprendere la realtà anche se non è come l’avremo voluta e fare quelle scelte che altrimenti sembrano impossibili e che possono cambiare tutto quello che voremmo diverso.

Come dicevo, i suoi nemici sono l’ignoranza (non lo voglio sapere, non m’interessa il perchè), il giudizio (non è giusto, non è corretto) e la negazione (non è vero), che ci portano solo ad ingarbugliare ulteriormente la matassa dei nostri pensieri, rendendoci sempre più schiavi della nostra mente.

La consapevolezza di sè, dell’altro, delle relazioni e delle leggi che regolano situazioni, dinamiche, casualità e causalità è il primo passo per poterle comprendere e, se necessario, modificare.

Vi ispira? Continuerò ad aggiornarvi e a lavorare  nella futura versione per adulti, vi piacerebbe partecipare?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando due persone s’incontrano, e una sta a testa in giù, non è così semplice stabilire chi dei due sta nel verso giusto.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Un amico straordinario (2019)

Un amico straordinario (2019)

La settimana scorsa, mentre cercavo il trailer di Big ho trovato questo film di Tom Hanks che mi era sfuggito quando era uscito: Un amico straordinario, un film che racconta una storia vera, la storia di Fred Rogers, personaggio televisivo amato dai bambini negli Stati Uniti.

cavalcare la tigre

cavalcare la tigre

La settimana scorsa abbiamo parlato della terapia narrativa come un modo di viaggiare nel tempo ma, forse sarebbe più accurato ancora parlare di questi esercizi come di viaggi nella nostra immaginazione.

i nostri maestri

i nostri maestri

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.