consapevolezza

24 Apr 19

Dopo il weekend a parlare del significato delle parole ho pensato che sarebbe importante dedicare un post e parlare al prossimo evento di facciamo pace alla parola che probabilmente uso di più nei miei discorsi come coach: consapevolezza. Secondo wikipedia sarebbe la cognizione o coscienza di qualcosa, ed etimologicamente viene da sapere insieme ad altri.

La consapevolezza è uno strumento fondamentale soprattutto nei giorni nostri in cui l’ignoranza, il giudizio e la negazione sono all’ordine del giorno.

La consapevolezza è lo strumento con cui possiamo portare luce nel nostro buio, comprendere la realtà anche se non è come l’avremo voluta e fare quelle scelte che altrimenti sembrano impossibili e che possono cambiare tutto quello che voremmo diverso.

Come dicevo, i suoi nemici sono l’ignoranza (non lo voglio sapere, non m’interessa il perchè), il giudizio (non è giusto, non è corretto) e la negazione (non è vero), che ci portano solo ad ingarbugliare ulteriormente la matassa dei nostri pensieri, rendendoci sempre più schiavi della nostra mente.

La consapevolezza di sè, dell’altro, delle relazioni e delle leggi che regolano situazioni, dinamiche, casualità e causalità è il primo passo per poterle comprendere e, se necessario, modificare.

Vi ispira? Continuerò ad aggiornarvi e a lavorare  nella futura versione per adulti, vi piacerebbe partecipare?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.