La tua parola è una bacchetta magica (1927)

19 Nov 21

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.

Una riflessione sul potere delle parole, sia quelle che diciamo che quelle che soltanto pensiamo, per creare il mondo che ci circonda, come una bacchetta magica, sia le cose belle che quelle brutte. Sia quando parliamo o pensiamo cose che vogliamo che quando parliamo o pensiamo cose che ci  fanno paura.

In questo seguito del libro di cui abbiamo parlato la settimana scorsa, spiega meglio il suo metodo e ribadisce l’invito a sfuggire dalla legge karmica, con la fede nella Grazia, nel Cristo, e il Perdono che è la miglior arma contro i pensieri negativi. Paura, rancore, invidia, sono legati a pensieri di scarsità, di separazione e di solitudine, che si riflettono attorno a noi. Se, invece, riusciamo a perdonare tutto e a tutti, anche noi stessi, possiamo attrarre a noi una realtà migliore e dei risultati più adeguati.

Spiega anche molto bene perchè il pensiero positivo non basta, perchè a volte non funziona, ed è perchè serve una fede molto forte e spesso non l’abbiamo, la confondiamo con la speranza, che è tutta un’altra cosa.

Per finire aggiunge delle affermazioni con cui possiamo ripristinare il rapporto di fede nell’universo, in Dio o come vogliamo chiamarlo, in ogni aspetto della vita, per attirare il successo, la prosperità, la felicità, l’amore, il matrimonio, per superare le perdite, per riuscire al meglio a fare una vendita o un’intervista, per chiedere orientamento o protezione, per migliorare la nostra memoria, o la nostra salute, seguendo il disegno divino invece che i dettami del nostro EGO.

“Agita sopra tutte le imperfezioni la bacchetta della Parola e il deserto si rallegrerà e fiorirà come una rosa”

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.

Little Miss Sunshine (2006)

Little Miss Sunshine (2006)

Oggi ho visto di nuovo Little Miss Sunshine, uno di quei film che posso vedere una volta ogni tanto e mi fa commuovere sempre. La storia di una bambina di sette anni con un sogno, diventare reginetta di bellezza, ignorando ingenuamente che il suo aspetto non rientri nei canoni di bellezza richiesti.

Joan Lui (1985)

Joan Lui (1985)

Oggi voglio parlarvi di un film molto particolare, italiano, vecchio, e molto discusso, criticato da alcuni e ammirato da altri, e che io ho adorato: Joan Lui, Ma un giorno nel paese arrivo io di lunedì, con un Adriano Celentano megalomane e divino.