il gioco della vita (1925)

12 Nov 21

Questa settimana, voglio parlarvi del libro Il gioco della vita e come giocarlo, di Florence Scovel Shinn, scrittrice americana di inizi del novecento, e insegnante di metafisica, esponente del New Thought che ha ispirato Emmet Fox, Louise Hay, Wayne Dyer, molti dei miei autori preferiti e molte delle mie rifflessioni.

Con un libro pieno di citazioni bibliche e aneddoti di vita vissuta, esempi pratici e  testimonianze vere fa comprendere con semplicità e delicatezza il funzionamento del linguaggio della mente e come utilizzarlo per ottenere salute, felicità e piena realizzazione di sé.

Coniuga la propria straordinaria esperienza e competenza con la magica semplicità delle sue parole, e ci spiega come vivere al meglio e partecipare con consapevolezza e felicità al Gioco della Vita.

Il risultato è un libro meraviglioso, attorno ad una idea molto diversa da tutto quello che ci hanno sempre detto, a tutto quello che abbiamo imparato e insegniamo ai nostri figli, se non aggiungiamo consapevolezza.

La vita è un gioco e la unica vera legge universale che regola tutto è l’Amore. Ciascuno di noi è unico e ha un posto ben definito nel mondo, e la felicità può essere raggiunta solo abbandonando le credenze errate che nascono dalla paura e su cui abbiamo costruito la nostra società, i nostri rapporti, una vita sempre più virtuale. Ma, se lo capiamo e cambiamo il nostro atteggiamento, ogni attimo della vità potrebbe essere vissuto con gioia, ricchezza, felicità, gratitudine e perfetta realizzazione di sé.

“È importante ribadire che ogni malattia e infelicità provengono da una violazione della legge dell’amore. Vi do un nuovo comandamento: amatevi l’un l’altro. Amore e benevolenza sono il segreto del Gioco della Vita.”

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

giustizia divina

giustizia divina

giustizia divina

23 May 22

Dicono che c’era una un gruppo di ragazzi molto poveri che, mentre giocava, trovò un sacchettino molto carino con ventisei bacche rosse. Siccome loro erano cinque e la divisione non era esatta, andarono a chiedere alla donna più anziana del villaggio aiuto per dividerle equamente.

La famiglia ideale (2021)

La famiglia ideale (2021)

Questa settimana ho visto un altro film spagnolo su Netflix, La famiglia ideale, con altri due attori spagnoli che adoro, Belén Rueda e Jose Coronado, nei panni di due persone molto diverse che, conoscendosi finiranno per scombinare molte vite.

idealizzare

idealizzare

L’altro giorno stavo parlando con alcune amiche dei problemi di tutti i giorni, ognuna parlava delle cose che faceva fatica a gestire e, quando anche io ho raccontato qualcosa mi hanno guardata malissimo, perchè pensavano che, siccome aiuto le persone a risolvere problemi, io non ne avessi.