il gioco della vita (1925)

12 Nov 21

Questa settimana, voglio parlarvi del libro Il gioco della vita e come giocarlo, di Florence Scovel Shinn, scrittrice americana di inizi del novecento, e insegnante di metafisica, esponente del New Thought che ha ispirato Emmet Fox, Louise Hay, Wayne Dyer, molti dei miei autori preferiti e molte delle mie rifflessioni.

Con un libro pieno di citazioni bibliche e aneddoti di vita vissuta, esempi pratici e  testimonianze vere fa comprendere con semplicità e delicatezza il funzionamento del linguaggio della mente e come utilizzarlo per ottenere salute, felicità e piena realizzazione di sé.

Coniuga la propria straordinaria esperienza e competenza con la magica semplicità delle sue parole, e ci spiega come vivere al meglio e partecipare con consapevolezza e felicità al Gioco della Vita.

Il risultato è un libro meraviglioso, attorno ad una idea molto diversa da tutto quello che ci hanno sempre detto, a tutto quello che abbiamo imparato e insegniamo ai nostri figli, se non aggiungiamo consapevolezza.

La vita è un gioco e la unica vera legge universale che regola tutto è l’Amore. Ciascuno di noi è unico e ha un posto ben definito nel mondo, e la felicità può essere raggiunta solo abbandonando le credenze errate che nascono dalla paura e su cui abbiamo costruito la nostra società, i nostri rapporti, una vita sempre più virtuale. Ma, se lo capiamo e cambiamo il nostro atteggiamento, ogni attimo della vità potrebbe essere vissuto con gioia, ricchezza, felicità, gratitudine e perfetta realizzazione di sé.

“È importante ribadire che ogni malattia e infelicità provengono da una violazione della legge dell’amore. Vi do un nuovo comandamento: amatevi l’un l’altro. Amore e benevolenza sono il segreto del Gioco della Vita.”

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.