il ritorno della bestia

06 Jan 21

Ogni anno, a inizio anno, facciamo sempre un punto della situazione della nostra vita. Due anni fa, agli incontri di gennaio di facciamo pace, abbiamo parlato di una versione ridotta della ruota della vita che abbiamo chiamato la ruota della bestia perchè racchiudeva il numero 666…

 Ma non solo, anche perchè io amo la parola bestia, perchè la bestia è forte, è potente, non delega nè il suo volere nè il suo potere a istituzioni, leggi, regole. Sa cosa vuole e sa cosa può, e soprattutto, quando non trova una strada la cerca.

 

Visto che loro organizzano i loro incontri e la formazione sempre sulla base di questi spicchi, ho pensato che quest’anno avremo usato la ruota, e il cruscotto per rendere ancora più pratici e funzionali  i nostri incontri.

In questo primo incontro del 2021 parleremo di potere, con domande su cosa possiamo fare, su cosa crediamo di poter fare, su cosa stiamo facendo, cosa non stiamo facendo, e perchè, in ognuno di questi ambiti. Vi ho incuriosito? Vi aspetto all’incontro online.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Wayne W DyerInventarsi la vita

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.