cruscotto della vita

Ieri abbiamo fatto di nuovo un incontro di facciamo pace, online, un po’ più organizzato del primo, per riprendere argomenti già visti, come la ruota della vita, con un nuovo approccio che sto preparando nel mio nuovo libro, 13 cose che ho imparato giocando a garden scapes.

 La ruota della vita, per chi non la conosce, è uno strumento di coaching che si usa, soprattutto all’inizio di un percorso guidato di miglioramento e crescita personale, per comprendere un po’ in generale il nostro livello di soddisfazione della nostra vita e anche quali sono i punti più deboli su cui iniziare a lavorare.

 In questi giorni, mentre preparo il libro che spero diventi alla fine una specie di manuale per diventare coach di se stessi, ho iniziato a preparare una versione più “moderna”, il cruscotto della vita.

La base è la stessa, si fa un lavoro di riflessione sulla propria vita, rispondendo a una serie di domande, per dare un voto ad ogni aspetto, salute, spiritualità, amore, famiglia, lavoro, denaro, ecc.

La differenza è la rappresentazione, invece di costruire con tutti i dati una ruota andiamo a creare un indicatore con la lancetta a cinque posizioni per ogni aspetto. In modo di poter analizzarlo separatamente.

In questo modo posso decidere di appliccare il cruscotto a tutta la mia vita in maniera uniforme, per iniziare, o posso raggruppare alcuni aspetti per poter concentrami su quelli che in ogni momento ci sembrano più importanti. E suddividere questi in caratteristiche di livello inferiore con degli indicatori adeguati. Posso appliccare lo strumento solo ad un aspetto tralasciando l’analisi del resto.

In un secondo momento aggiungeremo anche delle leve per fare diventare il nostro cruscotto un pannello di comandi.

C’eravate? vi è piaciuto, fra due settimane ci vediamo di nuovo, per vedere cosa fare una volta che abbiamo tutti i valori dei diversi indicatori, vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Se Dio vuole (2015)

Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono il mio ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo (con due esse) sia più che altro un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.