il primo colpevole

Stavo pensando che in questi giorni, in cui non possiamo uscire e le nostre informazioni arrivano soprattutto dalle telvisioni, radio, giornali e dai social, abbiamo un’opportunità davvero meravigliosa per imparare a pensare con la nostra testa.

Abbiamo già parlato dell’importanza dei filtri per capire quanto ci sia di verità nelle informazioni e anche quanto siano significative… oggi voglio parlare di superficialità.

Gli appassionati di film gialli e di telefilm polizieschi o ospedalieri sanno che il primo colpevole o la prima malattia non è mai quello buono, non è mai quello definitivo. Messo in carcere il primo o date le medicine per la seconda, il problema non si risolve e bisogna andare oltre con le ricerche.

Nella vita è anche così, c’è sempre qualcuno o qualcosa nascosto dietro a quello che vediamo, dietro a quello che ci raccontano, dietro a quelli con cui dicono che dobbiamo prendercela, che siano i cinesi che hanno portato il virus, gli americani che l’hanno sviluppato in laboratorio, gli europei che non vogliono darci gli aiuti economici di cui abbiamo bisogno, le antenne dei 5g…

Secondo me c’è sempre qualcosa dietro, qualcosa di cui siamo responsabili in quello che ci succede o nel modo in cui lo viviamo, qualcosa che possiamo imparare, una lezione della nostra vacanza studio

Infatti, il mio invito è proprio a lavorare su questo, a approfondire, a comprendere cosa c’è dietro a quel che si vede a prima vista. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film francese molto simpatico, L’erba cattiva, una riflessione molto carina su come possiamo superare le difficoltà, per grosse che esse siano, con l’aiuto di qualcuno che non ha i nostri stessi problemi, anche se ha degli altri.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.