fragilità

10 Feb 21

Ieri ho dovuto cancellare l’evento di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per una piccola crisi in famiglia che ha necessitato di tutta la mia energia  in quel momento. Vorrei approfittare di questo evento per spiegarvi meglio alcuni concetti sull’argomento di questo periodo, il potere.

Avremmo dovuto parlare di quelle occasioni in cui non facciamo quello che vorremmo perchè crediamo di non potere farlo, e visto che ho cancellato l’evento, ho deciso di usare questo post per spiegare nella pratica come e perchè l’ho fatto.

Avevo un conflitto di quelli di cui stiamo parlando in questo periodo, il conflitto fra due cose che volevo e che erano incompatibili fra di loro. Una era fare l’evento, è programmato e mi piace pensare che c’erano persone che lo aspettavano; l’altra era fare una serata in famiglia dopo una serie di problemi che c’erano stati nel pomeriggio.

Avevo un conflitto DEVO vs VOGLIO e ho ascoltato il mio cuore. Mi sono detta che sicuramente la mia presenza è più importante per le mie figlie di quanto lo sia per le persone che frequentano i miei eventi,e che loro mi avrebbero capita e così è stato. Ho deciso di dare una dimostrazione di vera forza, ammettendo la mia fragilità.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio ad accettare le nostre fragilità e debolezze, a non cercare di nasconderle, a non condannarci perchè non siamo perfetti, o meglio, perché non possediamo quella perfezione ideale e impossibile che ci hanno insegnato a perseguire e pretendere. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.