dimostrazione di forza

La settimana scorsa, parlando di rabbia, abbiamo visto come quello che ci fa arrabbiare è qualcosa che fanno altri ma che “parla” con qualcosa che è già dentro di noi, può essere un senso di colpa o di inferiorità, di debolezza.

Il miglior rimedio che conosco per questo senso diinadeguatezza è un cambio di prospettiva, che si può fare razionalmente, ad un livello più profondo, in cui vediamo chiaramente che ogni gesto che possa essere visto come dimostrazione di forza in realtà lo si fa per nascondere un senso di debolezza.

Ve lo immaginate The Rock che urla e minaccia? Io no, per nulla. Me lo immagino che distrugge tutto, direttamente. E solo quando serve. Perchè credo che oltre ai muscoli abbia una gran intelligenza. E me lo immagino che con solo alzarsi dalla sedia spaventa gli altri senza dover muovere un muscolo.

Perciò, ogni volta che qualcuno ha bisogno di dimostrare la sua forza nei nostri confronti, sotto sotto ha una debolezza o almeno sente di averla.

E più noi risponsdiamo alla forza con la forza, più aumenta il loro senso di debolezza e più devono dimostrare una forza che non hanno. Fino a quando aumenta la pressione e rischiamo di fare danni.

Il mio invito possitivo di oggi è a farci quelle domande per poter cambiare prospettiva, per capire in profondità, per renderci più consapevoli del vero ruolo dell’altro nella nostra rabbia e del nostro potere.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nella vita non ci sono errori, solo lezioni. Non esiste qualcosa che si possa chiamare esperienza negativa, ma occasioni per crescere, imparare e procedere lungo la strada del dominio di sé. Anche il dolore può essere un meraviglioso maestro

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.