dimostrazione di forza

29 Jul 20

La settimana scorsa, parlando di rabbia, abbiamo visto come quello che ci fa arrabbiare è qualcosa che fanno altri ma che “parla” con qualcosa che è già dentro di noi, può essere un senso di colpa o di inferiorità, di debolezza.

Il miglior rimedio che conosco per questo senso diinadeguatezza è un cambio di prospettiva, che si può fare razionalmente, ad un livello più profondo, in cui vediamo chiaramente che ogni gesto che possa essere visto come dimostrazione di forza in realtà lo si fa per nascondere un senso di debolezza.

Ve lo immaginate The Rock che urla e minaccia? Io no, per nulla. Me lo immagino che distrugge tutto, direttamente. E solo quando serve. Perchè credo che oltre ai muscoli abbia una gran intelligenza. E me lo immagino che con solo alzarsi dalla sedia spaventa gli altri senza dover muovere un muscolo.

Perciò, ogni volta che qualcuno ha bisogno di dimostrare la sua forza nei nostri confronti, sotto sotto ha una debolezza o almeno sente di averla.

E più noi risponsdiamo alla forza con la forza, più aumenta il loro senso di debolezza e più devono dimostrare una forza che non hanno. Fino a quando aumenta la pressione e rischiamo di fare danni.

Il mio invito possitivo di oggi è a farci quelle domande per poter cambiare prospettiva, per capire in profondità, per renderci più consapevoli del vero ruolo dell’altro nella nostra rabbia e del nostro potere.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.