dimostrazione di forza

La settimana scorsa, parlando di rabbia, abbiamo visto come quello che ci fa arrabbiare è qualcosa che fanno altri ma che “parla” con qualcosa che è già dentro di noi, può essere un senso di colpa o di inferiorità, di debolezza.

Il miglior rimedio che conosco per questo senso diinadeguatezza è un cambio di prospettiva, che si può fare razionalmente, ad un livello più profondo, in cui vediamo chiaramente che ogni gesto che possa essere visto come dimostrazione di forza in realtà lo si fa per nascondere un senso di debolezza.

Ve lo immaginate The Rock che urla e minaccia? Io no, per nulla. Me lo immagino che distrugge tutto, direttamente. E solo quando serve. Perchè credo che oltre ai muscoli abbia una gran intelligenza. E me lo immagino che con solo alzarsi dalla sedia spaventa gli altri senza dover muovere un muscolo.

Perciò, ogni volta che qualcuno ha bisogno di dimostrare la sua forza nei nostri confronti, sotto sotto ha una debolezza o almeno sente di averla.

E più noi risponsdiamo alla forza con la forza, più aumenta il loro senso di debolezza e più devono dimostrare una forza che non hanno. Fino a quando aumenta la pressione e rischiamo di fare danni.

Il mio invito possitivo di oggi è a farci quelle domande per poter cambiare prospettiva, per capire in profondità, per renderci più consapevoli del vero ruolo dell’altro nella nostra rabbia e del nostro potere.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Se Dio vuole (2015)

Se Dio vuole (2015)

Ieri mi sono divertita da impazzire con Se Dio vuole con due attori meravigliosi Marco Giallini e Alessandro Gassmann. Un film tanto simpatico quanto realistico sulla chiesa, sulla fede, la fiducia e la speranza.

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono il mio ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo (con due esse) sia più che altro un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.