fare foto

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo parlato di come, quando raccontiamo la nostra vita, è come se stessimo facendo una foto e, come i fotografi, persino quando non si può cambiare la scena, possiamo giocare con le lenti, lo zoom e anche l’angolazione.

 Abbiamo ripreso lo strumento della ruota della vita, che già avevamo rivisitato a gennaio come la ruota della bestia, e, invece di un punteggio abbiamo dato una breve descrizione ad ogni aspetto della nostra vita.

Ognuno ha potuto valutare, con una frase, la sua visione nel momento attuale della sua situazione rispetto ad: amore, denaro, lavoro, salute, ambiente,  creatività, crescita interiore, il suo rapporto con la spiritualità, con il tempo libero o con la famiglia e amici.

Poi abbiamo visto come possiamo cambiare la nostra visione, la nostra versione, e come questi cambiamenti possono influire nella nostra vita di tutti i giorni, e nelle nostre scelte, facendoci sentire più forti o più deboli, ecc.

Tra le altre cose abbiamo cercato il realismo applicando ai nostri racconti descrittivi per ogni aspetto i meravigliosi quattro accordi come filtro per migliorare la nostra capacità descrittiva e la nostra abilità per osservare senza giudicare che tanto piaceva a Krishnamurti.

C’eravate? Vi è piaciuto? Spero di si e vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Il metodo Ikigai (2018)

Il metodo Ikigai (2018)

Questa settimana ho letto per voi un libro molto interessante: Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice, in cui Héctor García ci racconta di un suo viaggio e delle esperienze fatte con i centenari Giapponesi.

Il buco (2019)

Il buco (2019)

La prima volta che ho visto qualche immagine di questo film, mi ha infastidito. Poi ho visto qualche recensione e ho pensato di guardarlo, andando oltre la superficie e devo dire che tanto le metafore come il simbolismo mi hanno veramente coinvolta…

empatia consapevole

empatia consapevole

Cercando immagini per rappresentare l’empatia ho trovato questi due fantastici ometti con la scritta “so esattamente come ti senti”. Loro non sono esattamente uguali ma hanno quel che sembra esattamente lo stesso problema.