I quattro accordi (1997)

I quattro accordi è un libro meraviglioso che ci insegna come gestire il mondo attraverso uno dei più grandi doni che abbiamo ricevuto e spesso sprecchiamo: la parola. Ci insegna come vivere meglio parlando meglio, con gli altri e con noi stessi mentre pensiamo…

Tutto strutturato attorno a questi quattro accordi da prendere più che altro con noi stessi:

  1. Sii impeccabile con la parola: quando parli, non aggiungere le tue impressioni e le tue limitate osservazioni alla descrizione della realtà. Cerca di essere il più oggettivo possibile quando racconti la realtà e di attenerti ai fatti.
  2. Non prendere nulla in modo personale: ricorda di non confondere gli atti con le persone che li attuano, e quando qualcuno parla di te, bene o male che sia, ricorda che parla di quello che crede di sapere su di te, non di quello che tu sei. Lo stesso vale per quando tu parlerai di una persona.
  3. Non supporre nulla: non ti affidare solo alle tue supposizioni e al tuo punto di vista, chiedi sempre, fai un doppio controllo sempre… per vedere se quello che hay pressupposto è vero…
  4. Fai sempre del tuo meglio: e questo è quello più ingannevole, del tuo meglio non vuol dire il più possibile, ma soltanto “del tuo meglio”, nè di più nè di meno… se cerchi di fare troppo per un aspetto della tua vita spenderai li tutta la tua energia…

Ognuno di questi accordi ci protegge da uno degli effetti negativi e limitanti che può avere il nostro EGO che , nel suo intento di salvarci da qualcosa di peggio, tende ad esagerare, proiettare, chiudersi, o arrendersi, scappare, ecc. da perocoli che esistono solo nella nostra mente e che si avvereranno solo se noi li attiriamo con il nostro comportamento.

Leggetelo e ditemi se vi piace…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

come ti racconti?

come ti racconti?

Ieri all’incontro di facciamo pace, come promesso, abbiamo iniziato a parlare delle differenze fra pensare, credere, sapere, capire, comprendere e giudicare. Tutte attività che fa la nostra mente e a cui dobbiamo imparare a riconoscere per non cadere nelle sue trappole.

fare l’amore

fare l’amore

Se chiediamo a qualsiasi adulto “normale” se fare l’amore è fra le sue attività preferite è difficile che avremo una risposta negativa. Si sa, è qualcosa di benefico per il corpo, per la mente e persino per lo spirito. Ma, quello che non tutti sanno è che si può fare l’amoremolto più spesso di quanto credono.

amore paterno

amore paterno

Dicono che c’era una volta, una direttrice che, alla riunione dei genitori della scuola, sottolineava l’importanza del sostegno che i genitori devono dare ai figli. Parlava di tempo di qualità, di fare cose insieme e di accumulare esperienze e ricordi.

Tienilo acceso (2018)

Tienilo acceso (2018)

Questa settimana voglio parlarvi di un’altro libro di linguistica di Vera Gheno: Tienilo acceso, dedicato a Internet e i social, in cui ci spiega con una semplicità meravigliosa cosa vuol dire e come gestire al meglio la nostra immagine online.