dare e ricevere

04 Sep 19

E,dopo l’estate, sperando che ognuno di noi si sia ricaricato, prossimo incontro di facciamo pace, riposato e possa dirsi pronto per il nuovo anno scolastico, riprenderemo i discorso su chi siamo, cosa vogliamo e cosa possiamo aspettarci dalla vita.

Parleremo di dare e ricevere. E, come sempre, di responsabilità, di consapevolezza e di compensare, perchè spesso le persone che sono più allennate a dare fanno fatica a ricevere, e viceversa.

 Parleremo di dare, di cosa vuol dire dare, di cosa possiamo o vogliamo dare… perchè dare è una di quelle parole che possono avere molti significati diversi.

Ci sono cose che quando le diamo non le possiamo riavere indietro. Come il denaro, le cose materiali, ecc. E altre che più ne diamo più ne abbiamo, come l’allegria o l’amicizia.

Ma, soprattutto, spesso dobbiamo dare per poter ricevere. Anzi, dare incondizionatamente, per poter ricevere. Come quando coltiviamo una pianta, alleviamo un cucciolo o un bambino, dobbiamo “investire” ma ad occhi aperti per renderci conto ogni tanto se il nostro investimento sta andando a buon fine o meno. E se siamo in equillibrio o no.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto ai prossimi incontri…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Wayne W DyerWayne W DyerInventarsi la vita

Praticate la gentilezza verso voi stessi e gli altri ogni volta che vi è possibile. Desistete dal bisogno di aver ragione e di vincere e optate invece per essere gentili: ben presto conoscerete la gioia della pace interiore.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.