contrattempi

06 Feb 19

Ieri sera l’incontro di facciamo pace, è stato cancellato per una serie di circostanze che hanno fatto che quasi nessuno dei partecipanti potesse essere presente. Quando sono arrivata al locale in cui normalmente ci incontriamo non c’era nessuno ed è arrivato solo uno dei soliti, perciò ho pensato di sfruttare la circostanza per scrivere sulla gestione proattiva dei contrattempi.

Voglio parlarvi di questo esempio reale della mia vita perchè spesso mi dicono che parlare di pensiero positivo è troppo facile. La situazione era questa: ogni persona a cui chiedevo se avrebbe partecipato all’evento mi diceva che non avrebbe potuto. Uno ad uno i soliti esponevano ognuno i suoi problemi e io mi trovavo nella difficoltà di dover decidere se cancellare l’evento, per la prima volta in anni.

La primera reazione fu di tristezza, mi sentivo sola e inutile, tutta la preparazione dell’incontro sembrava vana e insieme a questo eventi ci andavano tutti gli eventi passati. Sentivo che stavo mendicando attenzione e che in fondo le cose che racconto non erano così interessanti e importanti per gli altri come per me.

Poi ci fu un po’ di rabbia, prima verso di loro, che sentivo avevano qualcosa di meglio da fare e poi anche verso di me che mi ero messa in quella situazione di “dipendenza” e di “bisogno” che cerco di evitare il più possibile. Pensavo che avrei dovuto cancellare tutto, smettere di organizzare gli eventi visto che nessuno li apprezzava.

E poi, in questione di qualche minuto, giuro, di qualche minuto, arrivò la pace. Ho  lasciato ad un lato le aspettative, le emozioni e le pressioni e mi sono rilassata. Ho fatto in fretta un piano B e me lo sono goduto. Non ho preso decisioni avventate, non ho risposto male a nessuno, ho annullato l’evento, ho dato appuntamento a tutti per il prossimo incontro e ho tenuto tutto quello che ho preparato per allora, fra due settimane.

Cosa ne pensate? Venite al prossimo incontro che riprenderemo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Colleziona attimi di altissimo splendore (2023)

Questa settimana è uscito l’ultimo libro di Paolo Borzacchiello, scritto a quattro mani con Paolo Stella del affascinante titolo Colleziona attimi di altissimo splendore e io, chiaramente, l’ho preso e letto appena uscito, ancora caldo di stampa e me lo sono goduto splendidamente.

S come sfortuna e sfida

S come sfortuna e sfida

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che abbiamo raccolto insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è sfortuna, sfiga, sventura. È una parola da evitare perchè è una trapola in cui nasconderci quando non vogliamo cambiare.