consiglio personale

Ieri, nel incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e con il sottotitolo “smontando fake news, falsi miti e falsi bisogni” abbiamo parlato di come chiedere consiglio al nostro inconscio, che spesso sa molto di più di quanto sappiamo noi.

Alla fine non abbiamo potuto fare l’esercizio di terapia narrativa che avevo preparato, per problemi tecnici, ma abbiamo visto come fare un esercizio diverso, sempre sulle basi della terapia narrativa, ma con i dadi.

Prima ho fatto vedere i mei dadi e poi ho spiegato come, ognuno, si può fare i propri dadi anche solo con un dado normale con le facce numerate da 1 a 6. Un po’ come quando giochiamo a testa o croce e abbiniamo un risultato ad ogni possibilità:

numero dado di Gandhi dado della palla otto dado del serpente dado dei pronmi
1 pensieri si smettila, fai spazio io
2 parole no sorprendimi, cambia la tua storia tu
3 azioni perchè vuoi saperlo stupendo, insisti lui/lei
4 abitudini forse cambia strategia noi
5 personalità sei sicuro di volerlo sapere studia le tue possibilità voi
6 situazioni ne dubito semplifica la tua situazione loro

E poi abbiamo visto come fare un dado personale, il dado della nostra personale tavola rotonda, in cui sedere sei consiglieri che hanno delle qualità che ammiriamo,e a cui potremmo chiedere aiuto per risolvere i nostri problemi.

Il mio invito possitivo, è stato a creare questo dado, immaginare le sei persone a cui vorremmo chiedere aiuto, che siano eroi, déi, scrittori, dei nostri famigliari, ecc. E giocarci. Pensando ad un problema mentre lanciamo il dado, e scrivendo quella che immaginiamo sarebbe la loro risposta. Inventandola. Perchè nella nostra immaginazione c’è lo spazio per le metafore con cui ci parlerà l’inconscio. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tu non sei solo la persona che in precedenza hai deciso di essere, ma quella che scegli di essere oggi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.