Tira il dado

Ieri, all’ultimo incontro di facciamo pace di quest’anno, come promesso, abbiamo giocato e abbiamo cercato di capire meglio se ci sono degli indizi di cose che non riusciamo a capire ma che possiamo accogliere e sfruttare. Abbiamo giocato con dei dadi “olistici” fatti apposta per mettere insieme tutto quello che sappiamo sul funzionamento della mente e dell’universo, delle diverse dimensioni, che venga dalla psicologia, dalla filosofia, dalla spiritualità, dalla mitologia o da qualsiasi altra branca della conoscenza umana

Perchè per noi tutto vale, qualsiasi porta da cui possa entrare un messaggio, un’informazione, può essere utile, se analizzata con la giusta curiosità.

Il primo dado l’abbiamo chiamato “delle credenze“, ed è ispirato alla frase di Gandhi di cui parlavamo la settimana scorsa, che metteva in collegamento pensieri, parole, azioni, abitudini, carattere e destino. Per fare il dado abbiamo usato la parola situazioni al posto del destino. E abbiamo considerato queste sei facce del dado come sei finestre che ci permettono di guardarci dentro, di vedere le nostre credenze limitanti.
In questo modo, il dado risponderà alle nostre domande con quale di queste facce dobbiamo focalizzarci per capire quale credenza ci sta bloccando per raggiungere la risposta, l’obbietivo, il desiderio che abbiamo in quel momento.

Il secondo dado l’abbiamo chiamato dei messaggi SEGRETI, o delle S, ed è ispirato alle parole che più si ripetono tra i consigli che vengono fuori facendo coaching. Quando lavoro con una persona questi consigli mi vengono naturalmente, una volta l’uno, una volta l’altro, conoscendo la storia di chi ho davanti, ma ho pensato che si potrebbe anche fare diventare un gioco divinatorio da usare “da soli”. Per canalizzare le informazioni. In ogni faccia c’è un verbo, un consiglio, una strada da intraprendere…

C’eravate? Vi ho incuriosito? Se volete usare questa tecnica, provate e raccontatemi come va… aspetto ii vostri commenti!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quarto accordo: Fai sempre del tuo meglio. Non dovete giudicarvi, sentirvi in colpa o punirvi se non riuscite a mantenere questi accordi. Se fate del vostro meglio, vi sentirete bene.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Words and Pictures (2013)

Words and Pictures (2013)

Questa settimana ho letto su facebook che qualcuno aveva visto Words and Pictures, con Clive Owen e Juliette Binoche, e mi sono incuriosita, l’ho visto su rayplay e mi è proprio piaciuto. Un film che fa riflettere sull’importanza delle parole e delle immagini.

la bestia è in noi

la bestia è in noi

Molti, quando parlo della bestia, si irrigidiscono e dicono “io non sono una bestia, io sono una persona educata”, martedì al nostro prossimo incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, vedremo come in realtà la bestia è un archetipo che si può trovare in ognuno di noi.

confusione di ruoli

confusione di ruoli

Una delle cause più importanti, secondo la mia esperienza personale e come coach la più importante in assoluto, della maggior parte dei problemi relazionali che troviamo in tutti i nostri rapporti è quella che possiamo chiamare “la confusione di ruoli”.

la stessa storia

la stessa storia

Dicono che c’era una volta un maestro che fu scelto per fare un discorso ai nuovi ragazzi appena arrivati nel monastero. Erano giovani e ancora molto condizionati dal mondo esterno e dalle credenze con cui erano cresciuti perciò era una grande responsabilità.