coerenza e responsabilità

La prossima settimana, all’incontro di facciamo pace, andremo avanti con il nostro progetto bestiale. Parleremo di responsabilità, come previsto l’ultima volta, e di coerenza. Perchè anche la coerenza è un concetto che spesso viene malinteso e “pilottato” per tagliarci le ali e tenerci fermi e sotto controllo…

La coerenza, in teoria, è quando quel che si fa e quel che si dice sono in sintonia. Ma questo non vuol dire che non possiamo cambiare idea. Questo concetto rappresenta la coerenza più superficiale. In realtà si può cambiare idea, strada, atteggiamento, senza perdere la coerenza e in maniera responsabile.

La prima coerenza deve essere quella profonda, quella dei valori che  ispirano sia quello che diciamo che quello che facciamo. Quando decidiamo di cambiare qualcosa, quando decidiamo di rinunciare a qualcosa o di cercare qualcosa di nuovo, per essere coerenti dobbiamo mantenerci fedeli ai nostri valori.

Molti ci chiederanno di essere fedeli ai loro valori, o ancora peggio, a dei valori “generali” che sono validi per tutti, ma in quei valori è facile perdersi. Perchè i valori del gruppo sono così “ideali” che a volte non sono appliccabili alla realtà.

In questo incontro parleremo dei nostri valori e delle nostre responsabilità, vedremo se ci sentiamo coerenti o se c’è qualcosa che “sembra” portarci all’incoerenza. E, chiaramente, vedremo come possiamo migliorare la nostra sensazione di coerenza perchè è una delle componenti della felicità che cerchiamo.

E, come promesso, prima ripasseremo i contenuti degli ultimi incontri, controlleremo i risultati ed eventuali difficoltà di chi abbia provato a mettere in moto la ruota e la torta e le eventuali domande e perplessità di chi non sia riuscito…

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Venite e continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.