chiusi dentro

28 Oct 20

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per la prima volta online, parleremo di come ci fa sentire questo clima di chiusura, física e mentale che  ci sta avvolgendo sempre di più.

Negli ultimi incontri stiamo parlando di come, al meno all’inizio della nostra vita riceviamo tutti, dalla nostra famiglia, un’educazione, una serie di indicazioni su cosa possiamo e dobbiamo fare e cosa non possiamo e non dobbiamo fare. E, come risultato, chiudiamo quel che vogliamo dentro nel nostro profondo quando non coincide, per evitare i conflitti.

 É un po’ come quello che stanno facendo adesso i papá Governi di tutte le nazioni, dicendoci quello che possiamo e non possiamo fare, cambiandoci le regole, almeno temporaneamente. Restringendo le nostre libertà, la nostra vita, sempre di più, con ragioni più o meno comprensibili e condivisibili.

Stiamo vivendo un momento storico molto limitante e frustrante per molti, perchè ci trattano come se fossimo bambini piccoli, ma possiamo sicuramente trovare un’opportunità nascosta nella crisi: possiamo guardarci dentro e scoprire cosa stiamo negando a noi stessi. Come? ne abbiamo già parlato agli incontri, attraverso quello che sentiamo, che per ognuno è diverso perchè ognuno è diverso.

Come dicevo l’incontro sarà online, su zoom,come sempre alle 20.30, e faremo il promesso esercizio di terapia narrativa, e la useremo per poter andare a parlare con Rapunzel, che di isolamento sicuramente sa molto.

Il mio invito possitivo di oggi è a partecipare all’incontro, e a cercare sempre di capire, cosa possiamo fare, perchè c’è sempre qualcosa che non ci possono togliere, almeno dentro. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.