cavalcare la tigre

13 Jan 21

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo ripreso la nostra ruota della bestia e abbiamo parlato di cosa intendiamo con la parola “bestia“.

Abbiamo visto che, anche se la parola bestia può sembrare negativa, può essere legata a comportarsi male, in realtà quello che definisce una bestia sono due caratteristiche: la sua enorme forza e la sua capacità di ignorare le regole quando vanno contro i suoi bisogni.

Per quanto riguarda la forza, abbiamo detto che, a volte, possiamo tirar fuori una forza incredibile, come la mamma che in un incidente riesce a spostare una macchina per tirar fuori il suo bambino. Una mamma che normalmente ha bisogno di aiuto per spostare un mobile, nel momento del bisogno, ha una carica di adrenalina che la rende “bestiale”.

Per quanto riguarda le regole, abbiamo parlato della differenza tra le leggi dell’uomo e quelle dell’Universo. Del fatto che le leggi dell’uomo si possono “imbrogliare”, si possono “fregare”, e uscire indenni. Invece, , quelle dell’universo, anche se può sembrare che le stiamo “tenendo sotto controllo” per un tempo, alla fine i nodi vengono al pettine.

Siccome in fondo in tutti noi c’è una bestia latente, abbiamo analizzato ognuno la propria soddisfazione rispetto ad ognuna delle aree e ho invitato tutti ad immaginare una nuova attività da iniziare a fare, una da smettere di fare o anche solo qualcosa da studiare per poter arrivare a cambiare per migliorare o mantenere quel livello di soddisfazione.

Il mio invito possitivo di oggi è a partecipare ai nostri incontri, e a rimanere sempre attenti alla nostra soddisfazione, prima di prendere delle decisioni. Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Annusa spesso il formaggio così da sapere quando sta invecchiando

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.