ABRACADABRA

Una delle prime parole di cui parleremo per il nostro vocabolario possitivo è abracadabra, una delle parole magiche per eccellenza. Ne parleremo al primo incontro perchè inizia con la A ma anche perchè il suo significato è proprio la ragione per cui stiamo facendo questo vocabolario.

Ci sono diverse versioni sull’etimologia di ABRACADABRA, ma la mia preferita è quella che dice che viene dall’aramaico e vuol dire “creo quello che dico“, “creo il mondo con le mie parole”, riconoscendo l’effetto delle nostre parole sul mondo.

Ci sono parole che ci hanno un effetto molto chiaro su di noi, ci sono parole che ci rendono più forti e altre che ci rendono più deboli, ci sono parole che ci  liberano e altre che ci imprigionano, ci sono parole che ci fanno sentire più grandi e altre che ci fanno sentire più piccoli.

Questo è così per le parole che ci sentiamo dire, soprattutto da piccoli, ma lo è ancora di più quando a dirle siamo noi, e quando le pensiamo, anche se non le diciamo ad alta voce.

Le parole che diciamo, e quelle che non diciamo, ci rendono quelli che siamo, e cambiare le nostre parole è il modo più veloce per cambiare le cose che non ci piacciono della nostra vita. Perchè spesso lo facciamo inconsapevolmente, e non ci rendiamo conto di quello che diciamo, di perchè lo diciamo così, e di come questo ci influenza, prima di tutto dentro e poi anche fuori.

La buona notizia è che riflettendo, parlandone, riconoscendo l’effetto che le parole hanno su di noi, perchè non sempre l’effetto è lo stesso, per tutti e in ogni momento.

 Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri incontri di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per imparare e allenarci a vedere questi effetti e come cambiarli. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.