ABRACADABRA

11 Aug 21

Una delle prime parole di cui parleremo per il nostro vocabolario possitivo è abracadabra, una delle parole magiche per eccellenza. Ne parleremo al primo incontro perchè inizia con la A ma anche perchè il suo significato è proprio la ragione per cui stiamo facendo questo vocabolario.

Ci sono diverse versioni sull’etimologia di ABRACADABRA, ma la mia preferita è quella che dice che viene dall’aramaico e vuol dire “creo quello che dico“, “creo il mondo con le mie parole”, riconoscendo l’effetto delle nostre parole sul mondo.

Ci sono parole che ci hanno un effetto molto chiaro su di noi, ci sono parole che ci rendono più forti e altre che ci rendono più deboli, ci sono parole che ci  liberano e altre che ci imprigionano, ci sono parole che ci fanno sentire più grandi e altre che ci fanno sentire più piccoli.

Questo è così per le parole che ci sentiamo dire, soprattutto da piccoli, ma lo è ancora di più quando a dirle siamo noi, e quando le pensiamo, anche se non le diciamo ad alta voce.

Le parole che diciamo, e quelle che non diciamo, ci rendono quelli che siamo, e cambiare le nostre parole è il modo più veloce per cambiare le cose che non ci piacciono della nostra vita. Perchè spesso lo facciamo inconsapevolmente, e non ci rendiamo conto di quello che diciamo, di perchè lo diciamo così, e di come questo ci influenza, prima di tutto dentro e poi anche fuori.

La buona notizia è che riflettendo, parlandone, riconoscendo l’effetto che le parole hanno su di noi, perchè non sempre l’effetto è lo stesso, per tutti e in ogni momento.

 Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri incontri di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per imparare e allenarci a vedere questi effetti e come cambiarli. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.