a come astrazione

15 Sep 21

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, è astrazione, proprio perchè le parole non sono cose concrete e parte del loro valore dipende da chi le usa.

Possiamo fare un esempio molto chiaro usando la parola mela, come nel disegno che ho usato per illustrare questo post. Il cameriere chiede qualcosa tipo di chi è questa mela, e a tavola ci sono i personaggi delle storie più note in cui c’è una mela.

Se io dicessi, “sai la storia della mela?”, e non abbiamo ancora un contesto, potrebbe essere la storia di Bill Gates e apple, della strega e Biancaneve, di Newton, di Adamo ed Eva, di Guglielmo Tell o di Robin Hood… E mancano la New York anche conosciuta come la Grande Mela e anche quella che mangiata una al giorno toglie il medico di torno.

Se possiamo fare tutto questo con una parola sola, immaginate cosa si può fare con delle intere storie, che rappresentano e mischiano le situazione con i pensieri, le emozioni, e possono avere diverse letture, alcune più superficiali, fermandosi alle parole, e altre più profonde, alcune che ci possono aiutare e altre che ci possono fare molto male.

La buona notizia è che possiamo cambiare le parole che diciamo, perchè, in fondo, come dice Un corso in miracoli, il significato alle parole glielo diamo noi, soprattutto a quelle che possono avere molti significati, come amore, amicizia, sofferenza, affetto, rispetto, libertà, ecc.

 Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri incontri di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e a riflettere sul significato che diamo alle parole e sul potere che abbiamo di cambiarlo, ad andare oltre, a capire cosa c’è dietro, cosa c’è sotto… Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.