l’amore incondizionato

Per come la vedo io, una delle cose che risolverebbe molti problemi è l’amore incondizionato ma, ogni volta che lo dico, mi rispondono che questo ci renderebbe troppo deboli e in balia degli altri. Invece, secondo me, è proprio al contrario, vediamo in che senso.

Vediamo, prima di tutto cosa intendiamo con amore. La parola amore è una di quelle parole che può avere centinaia di definizioni diverse, di connotazioni più o meno profonde. Usiamo la parola amore per un sentimento puro nei confronti dei nostri figli o dei nostri animali, per un desiderio sessuale e persino per una preferenza nei confronti di un cibo, un colore,  o un’attività. Il dizionario definisce diversi tipi di amore, anche se il primo è la <<dedizione appassionata ed esclusiva, istintiva ed intuitiva fra persone, volta ad assicurare reciproca felicità, o la soddisfazione sul piano sessuale>>

Perchè l’amore sia incondizionato, dobbiamo annullare il rapporto di esclusività e l’attesa di reciprocità e di qualsiasi risposta. È un amore possibilmente più leggero e meno appassionato, ma è un’amore che permette all’altro di essere com’è, con tutte le sue caratteristiche, senza giudicarle e senza cercare di cambiarle. Quando amo incondizionatamente una persona vede la sua perfezione e decido se è compatibile con me e se ho piacere di condividere tempo con lei, ma non cerco di cambiarla.

Infatti, l’amore incondizionato, come il perdono incondizionato, non vuol dire che do tutto a chiunque, vuol dire solo che non giudico e che non agisco in funzione dei miei giudizi. Ma a volte posso esprimere amore incondizionato ignorando una persona o evitandola.

Di conseguenza non fanno parte dell’amore incondizionato, la protezione, lo spronare l’altro, nè le aspettative di felicità, sia quando ci aspettiamo di rendere felice l’altro che quando ci aspettiamo che sia l’altro a rendere felici noi, cambiando in qualsiasi modo il suo modo di essere.

Ma soprattutto, l’amore incondizionato è da praticare, in primis, verso noi stessi. La prima persona con cui dobbiamo essere amorevoli, la prima che dobbiamo accettare com’è, l’ultima a cui dovremmo chiedere di cambiare, siamo noi stessi. Per non chiedere niente a nessuno. Quando amiamo noi stessi incondizionatamente, ci rendiamo conto di non avere bisogno di ricevere niente in cambio, e l’amore incondizionato diventa naturale.

Con questo non voglio dire che l’unico amore possibile sia quello incondizionato, ma che… se pratichiamo l’amor incondizionato, soprattutto verso noi stessi, saremo molto più forti anche per amare qualcuno in modo esclusivo e appassionato.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nulla al mondo è normale. Tutto ciò che esiste è un frammento del grande enigma.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

normale manutenzione

Come dicevamo la settimana scorsa, di nuovo è arrivato dicembre, momento di regali di Natale e anche di bilanci. Mi sembra una sana abitudine (non tutto è da buttare nel solito modo di fare) quella di approfittare di questo mese per fare dei bilanci. Delle cose che abbiamo, delle cose che volevamo, delle cose che abbiamo raggiunto o perso, di quelle a cui abbiamo rinunciato.

uscire dal bozzolo

Dicono che un giorno, apparve un piccolo buco in una crisalide e un uomo gentile ed educato, che passava di lì per caso, si fermò ad osservare la farfalla che, per varie ore, si sforzava per uscire da quel piccolo buco, ma era troppo piccolo, faceva troppa fatica,...

Fai Spazio nella Tua Vita (2016)

Oggi voglio parlare di un libro di cui mi sono innamorata tante volte che ho perso il conto. L’autore è Paolo Borzacchiello, uno dei massimi esperti di intelligenza linguistica applicata al business, e il libro si chiama La parola magica. L’ho comprato per caso ma… mentre lo leggevo, con una amica l’ho definito un corso di pnl e communicazione efficace travestito di romanzo, tra l’altro con una tematica e personaggi affascinanti.

L’amore ha due facce (1996)

Oggi voglio parlarvi di un’altro film italiano, con Raoul Bova e Luca Argentero, e, scusate se non ricordo nessun’altro nome, ma per me con quei due basta e avanza… Fratelli unici. Una commedia romantica di quelle che piacciono a me, con il suo spazio per riflettere, sull’amore, sulla memoria, sul perdono, e sulle seconde opportunità…