Vivere due volte (2019)

In questi giorni in mi capita spesso di parlare di passato, presente e futuro, di com’era la nostra vita prima, di com’è adesso e di come sarà quando la quarantena sarà finita, mi sono guardata   Vivere due volte una dolcissima vista sul mondo del Alzhaimer.

Racconta la storia di un professore universitario, di matematica, che scopre di avere un incipiente Alzhaimer e, un po’ per caso e un po’ per l’influenza della nipotina, decide di andare a trovare il suo amore d’infanzia prima di dimenticare tutta la sua vita. Una bellissima storia sui ricordi come la nostra personalità e come senza ci sentiamo persi. Ho riso e pianto e ho adorato proprio tutti ed ognuno dei personaggi di questa famiglia disfunzionale:

  • il protagonista, Emilio, con il suo orgoglio, soprattutto all’inizio, che lo rende sia tenero che insopportabile e quell’ossessione di trovare la ragazza dei suoi ricordi;
  • la figlia, Julia, che sente di dover prendersi cura di lui, come sente di dover fare tante cose, senza mai chiedersi cosa vuole lei stessa;
  • la nipote, Blanca, meravigliosa, di cui mi sono innamorata per la sua capacità di mostrare e sia una grandissima ironia che  una infinita empatia, nei confronti di tutti, persino di se stessa;
  • il genero, Felipe, coach incompresso, e la sua dimostrazione della differenza fra il perchè rivolto al passato (in spagnolo porqué) e quello rivolto al futuro (in spagnolo para qué).

p.s. non ho trovato il trailer in italiano perciò vi lascio quello in spagnolo.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

1) Il maggior freno al cambiamento è in noi stessi...
2) Le cose non migliorano se non cambi te stesso...
3) C’è sempre nuovo formaggio là fuori, che tu ci creda o no...

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.