Vivere due volte (2019)

In questi giorni in mi capita spesso di parlare di passato, presente e futuro, di com’era la nostra vita prima, di com’è adesso e di come sarà quando la quarantena sarà finita, mi sono guardata   Vivere due volte una dolcissima vista sul mondo del Alzhaimer.

Racconta la storia di un professore universitario, di matematica, che scopre di avere un incipiente Alzhaimer e, un po’ per caso e un po’ per l’influenza della nipotina, decide di andare a trovare il suo amore d’infanzia prima di dimenticare tutta la sua vita. Una bellissima storia sui ricordi come la nostra personalità e come senza ci sentiamo persi. Ho riso e pianto e ho adorato proprio tutti ed ognuno dei personaggi di questa famiglia disfunzionale:

  • il protagonista, Emilio, con il suo orgoglio, soprattutto all’inizio, che lo rende sia tenero che insopportabile e quell’ossessione di trovare la ragazza dei suoi ricordi;
  • la figlia, Julia, che sente di dover prendersi cura di lui, come sente di dover fare tante cose, senza mai chiedersi cosa vuole lei stessa;
  • la nipote, Blanca, meravigliosa, di cui mi sono innamorata per la sua capacità di mostrare e sia una grandissima ironia che  una infinita empatia, nei confronti di tutti, persino di se stessa;
  • il genero, Felipe, coach incompresso, e la sua dimostrazione della differenza fra il perchè rivolto al passato (in spagnolo porqué) e quello rivolto al futuro (in spagnolo para qué).

p.s. non ho trovato il trailer in italiano perciò vi lascio quello in spagnolo.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una risposta è il tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.