uno con il tutto

Dicono che c’era una volta in Hawaii, un ragazzino che, dopo molto tempo di pratiche e di esperienza a fianco del fratello maggiore Maui, decise che aveva raggiunto il suo obiettivo. Sentiva di essere diventato uno con il Tutto, completamente realizzato e allineato con il divino.

Quando chiese a Maui se il suo sentire corrispondeva a verità, lui gli disse che solo i fatti avrebbero potuto confermarlo, avrebbe dovuto vivere la sua vita e affrontare le sfide con la consapevolezza accumulata.

Inebriato dalla sensazione unica che provava, decise di abbandonare l’isola e confrontarsi con il mondo. Salì su una canoa a bilanciere e iniziò a remare verso il largo, ma dopo poco che si era allontanato dall’isola incontrò alcuni pescatori che, visibilmente preoccupati, stavano fuggendo da qualcosa che li spaventava.

Uno di essi, rivolgendosi al fratello di Maui, gli disse concitato:
    – Scappa via, ragazzo, scappa… c’è una balena impazzita che si abbatte su tutte le imbarcazioni, distruggendole!

– Oramai – pensò tra sè e sè il ragazzo sorridendo – io sono Uno con il Tutto e tutto è Uno con me. E se io sono Uno con il Tutto, lo sono anche con la balena, e allora lei non potrà farmi nulla. Come potrei mai farmi male da solo?

Non fece neppure in tempo a finire di formulare completamente i suoi pensieri che una gigantesca balena gli si parò dinanzi minacciosa e con la sua enorme mole si gettò sulla canoa del malcapitato.

L’impatto fu terribile e devastante, il ragazzo fu catapultato fuori dalla canoa, ma non prima di aver ricevuto un colpo poderoso dalla massiccia creatura.

Riavutosi qualche tempo dopo in pieno oceano, si accorse di essere pesto e
malconcio, oltre che di aver perso la sua canoa.

Questa situazione gli provocò una terribile rabbia. Maui lo aveva imbrogliato! Tanti discorsi e pratiche sull’essere Uno con il Tutto e guarda lui come era finito.
Determinato a voler chiarire la questione con suo fratello e Kumu,
tornò a nuoto sull’isola e, in tono visibilmente irritato e recriminante raccontò a Maui l’accaduto.

Con sua grande sorpresa, invece di scusarsi, Maui scoppiò in una fragorosa
risata. Rise profondamente e di gusto a pieni polmoni e poi, quando si fu calmato, assunse un tono a metà tra il beffardo e il severo e disse:

– Caro ragazzo, credevo fossi più intelligente, e invece sei tre volte stolto! È vero che sei Uno con il Tutto e tutto e Uno con te. Certo, è vero che sei Uno con la balena. Ma eri uno anche con il pescatore che ti ha detto di scappare dalla balena! Perché non lo hai ascoltato?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

contenitore e contenuto

contenitore e contenuto

Dicono che c’era una volta un uomo molto ricco che chiese al monastero del suo paese una funzione religiosa per conmemorare la morte del padre avvenuta l'anno prima. Disse che, siccome la sua famiglia era notevole e molto generosa, volevano che fosse ufficiata dal...

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Gli ordini dell’aiuto (2007)

Questa settimana, ho letto Gli ordini dell’aiuto di Bert Hellinger. Un libro che  parla dell’aiuto, dal punto di vista sistemico, e delle regole per aiutare con  il metodo delle Costellazioni Familiari e connettendosi con il sistema, con la coscienza collettiva, per integrare gli aspetti e i personaggi ignorati in ogni situazione.

Hereafter (2010)

Hereafter (2010)

Questa settimana ho guardato Hereafter, un film diretto da Clint Eastwood e protagonizzato, tra altri, da un grandioso Matt Damon. Un film sulla vita e la morte, sulla linea sottile che le separa, sulle persone che possono attraversarla, con esperienze premorte o sentendo delle voci dall’altro lato.

il diavolo e il cavallo

il diavolo e il cavallo

Dicono che c’era una volta un paese in cui tutti erano molto litigiosi, si dice che era un posto così terribile che, il diavolo, quando voleva prendersi una vacanza dall’inferno e vivere sulla terra, si faceva una passeggiata nelle loro strade.