andrá tutto bene

In questi giorni di quarantena in cui non abbiamo gli incontri di facciamo pace, ma voglio inviarvi il mio solito messaggio di otti-mismo e responsabilità accodandomi al messaggio che sta girando sul web, per ricordarci che andrà tutto bene.

Senza entrare nel discutere chi lo ha lanciato per primo, o chi ha ideato la frase, che è così semplice che potrebbe essere venuta in mente a molte persone contemporaneamente, vorrei apportare il mio granello di sabbia alla conversazione.

Per come la vedo io, andrà tutto bene vuol dire che andrà tutto come deve andare, in maniera neutrale e siamo noi a giudicare se questo è un bene o un male. Dipenderà da con cosa lo compariamo (le nostre aspettative) e da come lo giudichiamo se sarà un bene o un male. Basterebbe pensare che avrebbe potuto essere peggio per convincerci che andrà bene, e di scenari peggiori ci possiamo immaginare moltissimi.

E vuol dire anche che può andare tutto bene e che, più persone scomettiamo su questa possibilità, e mettiamo la nostra attenzione sul lato possitivo, portando sia le nostre parole che le nostre azioni in quel senso, migliore sarà il risultato.

In questo momento tutti possiamo scegliere se promuovere l’allarmismo o la speranza, io preferisco la seconda, chiaramente una speranza realistica, e responsabile. Una speranza che ci porta a lavorare, a collaborare perchè tutto sia il meglio possibile.

Cosa ne pensate? vi piace l’idea? appena finirà questa quarantena ci vediamo di nuovo, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Secondo accordo: Non prendere nulla in modo personale. Anche al centro dell’inferno, sperimenterete pace interiore e felicità. Starete nella vostra beatitudine e l’inferno non potrà toccarvi.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

l’arte di pensare chiaro (2014)

l’arte di pensare chiaro (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di un libro di Robin Sharma, Il club delle cinque del mattino, un romanzo meraviglioso che parla del tempo che molti sentiamo che non è mai abbastanza, per fare tutto quello che vogliamo e per farlo bene, di dove trovarlo, e di come sfruttarlo al meglio.

l’erba cattiva (2018)

l’erba cattiva (2018)

Anche questa settimana, e sempre per caso su Nextflix, ho visto un film molto simpatico, questa volta con Eddie Murphy, Immagina che, una bellissima storia su uno di quei padri troppo impegnati con il lavoro per prestare attenzione ai figli.

giocatori PRO

giocatori PRO

Ieri, al nostro incontro, ancora online, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, abbiamo parlato, come promesso, delle diverse parti di noi e di una tecnica per riconoscerle, per integrarle, ma soprattutto abbiamo parlato del perchè stiamo facendo questi incontri, per diventare dei giocatori livello P.R.O. di questo gioco che è la vita.