andrá tutto bene

18 Mar 20

In questi giorni di quarantena in cui non abbiamo gli incontri di facciamo pace, ma voglio inviarvi il mio solito messaggio di otti-mismo e responsabilità accodandomi al messaggio che sta girando sul web, per ricordarci che andrà tutto bene.

Senza entrare nel discutere chi lo ha lanciato per primo, o chi ha ideato la frase, che è così semplice che potrebbe essere venuta in mente a molte persone contemporaneamente, vorrei apportare il mio granello di sabbia alla conversazione.

Per come la vedo io, andrà tutto bene vuol dire che andrà tutto come deve andare, in maniera neutrale e siamo noi a giudicare se questo è un bene o un male. Dipenderà da con cosa lo compariamo (le nostre aspettative) e da come lo giudichiamo se sarà un bene o un male. Basterebbe pensare che avrebbe potuto essere peggio per convincerci che andrà bene, e di scenari peggiori ci possiamo immaginare moltissimi.

E vuol dire anche che può andare tutto bene e che, più persone scomettiamo su questa possibilità, e mettiamo la nostra attenzione sul lato possitivo, portando sia le nostre parole che le nostre azioni in quel senso, migliore sarà il risultato.

In questo momento tutti possiamo scegliere se promuovere l’allarmismo o la speranza, io preferisco la seconda, chiaramente una speranza realistica, e responsabile. Una speranza che ci porta a lavorare, a collaborare perchè tutto sia il meglio possibile.

Cosa ne pensate? vi piace l’idea? appena finirà questa quarantena ci vediamo di nuovo, vi aspettiamo!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Non puoi evitare che tristezza e paura ti volino attorno; quello che puoi evitare è che si costruiscano un nido nella tua testa.

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.