smontare scuse

Abbiamo già parlato di  procrastinazione e di come spesso perdiamo di vista i nostri obiettivi, nel solito tran tran di  tutti i giorni, di come ci sentiamo (e diventiamo) sempre più piccoli a furia di evitare cose che ci sembrano impossibili e di come ci perdiamo a furia di cambiare strada per evitare ostacoli o per seguire distrazioni.

 Da qualche parte ho letto una frase che ho adorato “l’uomo crede di essere una creatura razzionale ma in realtà è solo razionalizzatore”. Il più delle volte non riusciamo a prendere decisioni razionali, perciò dobbiamo renderle tali a posteriore, giustificarle, spiegarci razionalmente comportamenti, sentimenti…

 E così il nostro mondo diventa più razionale, non perchè veramente lo sia, ma perchè noi lo vediamo così. E questo non ci aiuta, anzi, per la maggior parte di noi è un arma di doppio filo che  taglia pezzi di noi insieme ai problemi che non siamo riusciti a risolvere.

Quando troviamo un problema, (o anche solo una distrazione) spesso lo usiamo come scusa per non fare quello che volevamo fare, ci fermiamo lì. Ma ci sono persone diverse (o almeno momenti diversi) gli ostacoli vanno smontati. Si cambia strada, è vero, ma non per evitare l’ostacolo, bensì per eliminarlo. Si fa dell’ostacolo un obiettivo, e si fa di tutto per superarlo.

Credo che se riuscissimo a fare questo più spesso, le nostre vite sarebbero molto più ricche e ci sentiremo molto meglio… Cosa pensate? Siete d’accordo con questa riflessione? Aspetto i vostri commenti…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.