S.A.L.

Ieri qualcosa è cambiato, timidamente, qualcuno è uscito anche solo a fare due passi, a trovare i propri cari, a correre. Non è finita ma si inizia a vedere che non durerà per sempre, perciò mi è sembrato il momento di fare un po’ il punto della situazione

Una delle cose che mi piace più fare quando faccio coaching è sfruttare le cose che abbiamo imparato al lavoro nella vita di tutti i giorni e viceversa, smontando alcune delle barriere che ci tengono scisi dentro.

Una delle cose che ho imparato quando lavoravo con i cantieri e le grandi commesse è stata l’importanza di fare, anche spesso, il punto della situazione, i S. A. L. (stato avvanzamento lavori).

Quando seguivamo progetti piccoli era facile tenere tutto sotto controllo mentre lavoravamo, se avevi fatto bene la pianificazione, bastava fare i conti alla fine e si scostavano poco dalle previsioni. Con i progetti grandi era diverso, bisognava fermarsi ogni tanto e chiedere a tutti come stava andando o si rischiava di scoprire solo alla fine che avevamo perso dei soldi, tanti soldi.

Nella vita, secondo me, dovremmo fare ogni tanto questi S. A. L., tirare le somme, fare la ruota della vita, (o il cruscotto), darci degli obiettivi a lungo e a breve termine e controllare l’andamento delle nostre attività per raggiungerli.

Se non altro per non finire pieni di rimpianti come i pazienti del libro di cui abbiamo parlato due settimane fa, che finivano la loro vita con un vorrei averlo fatto.

Abbiamo ancora qualche settimana prima che tutto torni ad un minimo di normalità, visto che abbiamo dovuto rinunciare a tante cose, non rinunciamo alla possibilità di sfruttare questo momento per fare un viaggio dentro di noi. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quando superi le tue paure, ti senti libero...

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.