S.A.L.

Ieri qualcosa è cambiato, timidamente, qualcuno è uscito anche solo a fare due passi, a trovare i propri cari, a correre. Non è finita ma si inizia a vedere che non durerà per sempre, perciò mi è sembrato il momento di fare un po’ il punto della situazione

Una delle cose che mi piace più fare quando faccio coaching è sfruttare le cose che abbiamo imparato al lavoro nella vita di tutti i giorni e viceversa, smontando alcune delle barriere che ci tengono scisi dentro.

Una delle cose che ho imparato quando lavoravo con i cantieri e le grandi commesse è stata l’importanza di fare, anche spesso, il punto della situazione, i S. A. L. (stato avvanzamento lavori).

Quando seguivamo progetti piccoli era facile tenere tutto sotto controllo mentre lavoravamo, se avevi fatto bene la pianificazione, bastava fare i conti alla fine e si scostavano poco dalle previsioni. Con i progetti grandi era diverso, bisognava fermarsi ogni tanto e chiedere a tutti come stava andando o si rischiava di scoprire solo alla fine che avevamo perso dei soldi, tanti soldi.

Nella vita, secondo me, dovremmo fare ogni tanto questi S. A. L., tirare le somme, fare la ruota della vita, (o il cruscotto), darci degli obiettivi a lungo e a breve termine e controllare l’andamento delle nostre attività per raggiungerli.

Se non altro per non finire pieni di rimpianti come i pazienti del libro di cui abbiamo parlato due settimane fa, che finivano la loro vita con un vorrei averlo fatto.

Abbiamo ancora qualche settimana prima che tutto torni ad un minimo di normalità, visto che abbiamo dovuto rinunciare a tante cose, non rinunciamo alla possibilità di sfruttare questo momento per fare un viaggio dentro di noi. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.

Mi faccio una promessa (2020)

Mi faccio una promessa (2020)

Con l’arrivo delle vacanze mi torna sempre il desiderio di ordine in casa. Quest’anno ho letto Mi faccio una promessa, entro tre mesi la mia casa sarà uno spettacolo, trovato per caso tra le novità di Amazon Kindle Unlimited.