possibilità

13 Nov 19

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo ancora di come ci raccontiamo, e ci concentreremo sulle nostre possibilità, su quello che diciamo (crediamo) che possiamo fare e su quello che possiamo fare veramente.

Molti coach, guru, motivatori, dicono che “puoi fare quello che vuoi“. Secondo me non lo abbiamo capito fino in fondo perchè ci siamo concentrati sulla parola tutto invece che sulle parole puoi e vuoi.

Quello che non tutti hanno capito è che c’è un trucco: possiamo avere tutto solo se si danno due condizioni, la prima è che sappiamo cosa vogliamo e la seconda, che siamo disposti a pagarne il prezzo.

C’è chi dice che la magia non esiste e che il pensiero positivo fa più male che bene, ma sono tutte parole che si possono usare per darci il coraggio e la fiducia necessari per provare o la paura che ci porta a smettere.

Non possiamo avere il controllo totale di quello che succede attorno a noi ma possiamo usare la consapevolezza per vivere più sereni e meno frustrati.

Possiamo usare il realismo per capire cosa possiamo fare e quanto ci può costare e decidere di conseguenza, invece di inseguire sempre cose che non possiamo avere e vivere nella frustrazione.

Possiamo allenarci a credere che possiamo fare quel che ci proponiamo e a trovare le strade per farlo o possiamo allenarci a pensare che non possiamo. Dipende da noi.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto martedì!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.