paure contrapposte

Ieri, nel nostro secondo incontro dopo il lockdown, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e con il sottotitolo “smontando fake news, falsi miti e falsi bisogni” abbiamo continuato a parlare di protezione, sicurezza e paure.

Ieri abbiamo parlato, soprattutto, delle paure che, anche se in un principio nascono come “avvertimenti” di un pericolo, spesso finiscono per bloccarci.

Abbiamo parlato di nuovo di emozioni e pensieri, e di come, al contrario di quello che normalmente si dice, sono le seconde che dipendono dalle prime.

Anche se è vero che dopo c’è una fase di reatroalimentazione in cui tutto si mischia, il primo passo è un pensiero e dipende da noi. Possiamo controllarlo, frenarlo e tenerlo da parte, per fare, come dicevamo nell’altro incontro una gestione del rischio.

Una delle cose che è venuta fuori è che, spesso, finiamo per sviluppare paure contrapposte. Abbiamo paura di essere feriti e di ferire, di rimanere da soli e di finire in brutta compagnia…

 Tutte queste paure ci fanno vivere una vita molto limitata, la vita della proverbiale barca che è più sicura in porto ma non è nata per stare al porto, la sua missione è uscire a navigare e conoscere il mondo.

Ogni volta che incontriamo un pericolo, reale o immaginario, o anche solo che ci passa per la testa, e ci lasciamo convincere dalla paura a cambiare strada, finisce che ci allontaniamo dai nostri desideri, dalle nostre passioni, dalle nostra missione in questa vita.

Il mio invito possitivo, per concludere, è stato a fare questo sforzo solo per le cose che vogliamo fare, e non facciamo per paura… non per quelle che crediamo di dover fare! Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

I lunedì al sole (2002)

I lunedì al sole (2002)

Questa settimana, in questo clima di desunione che sembra stia toccando picchi molto forti, mi sono guardata I lunedì al sole, un film spagnolo che parla di un paese distrutto da una crisi economica settoriale.

chiusi dentro

chiusi dentro

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per la prima volta online, parleremo di come ci fa sentire questo clima di chiusura, física e mentale che ci sta avvolgendo sempre di più.

si salvi chi può

si salvi chi può

In questi giorni di DCPM e misure anti COVID, di gente che ci crede e gente che continua a fare domande, in cui tanti accusano gli altri di essere i colpevoli di questa situazione, l’unica cosa chiara che riesco a tratte è che siamo al “si salvi chi può”.