paure contrapposte

Ieri, nel nostro secondo incontro dopo il lockdown, di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e con il sottotitolo “smontando fake news, falsi miti e falsi bisogni” abbiamo continuato a parlare di protezione, sicurezza e paure.

Ieri abbiamo parlato, soprattutto, delle paure che, anche se in un principio nascono come “avvertimenti” di un pericolo, spesso finiscono per bloccarci.

Abbiamo parlato di nuovo di emozioni e pensieri, e di come, al contrario di quello che normalmente si dice, sono le seconde che dipendono dalle prime.

Anche se è vero che dopo c’è una fase di reatroalimentazione in cui tutto si mischia, il primo passo è un pensiero e dipende da noi. Possiamo controllarlo, frenarlo e tenerlo da parte, per fare, come dicevamo nell’altro incontro una gestione del rischio.

Una delle cose che è venuta fuori è che, spesso, finiamo per sviluppare paure contrapposte. Abbiamo paura di essere feriti e di ferire, di rimanere da soli e di finire in brutta compagnia…

 Tutte queste paure ci fanno vivere una vita molto limitata, la vita della proverbiale barca che è più sicura in porto ma non è nata per stare al porto, la sua missione è uscire a navigare e conoscere il mondo.

Ogni volta che incontriamo un pericolo, reale o immaginario, o anche solo che ci passa per la testa, e ci lasciamo convincere dalla paura a cambiare strada, finisce che ci allontaniamo dai nostri desideri, dalle nostre passioni, dalle nostra missione in questa vita.

Il mio invito possitivo, per concludere, è stato a fare questo sforzo solo per le cose che vogliamo fare, e non facciamo per paura… non per quelle che crediamo di dover fare! Che ne dite? Proviamo? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Se prendete la vostra felicità e la mettete nelle mani di un'altra persona, prima o poi quella persona la distruggerà.

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.