Mister Felicità (2017)

Questa settimana ho deciso di parlarvi di qualcosa di più sereno e leggero, e mi sono riguardata il film Mister Felicità con Diego Abatantuono, Carla Signoris e Alessandro Siani, che è anche il regista.

Racconta la storia di Martino, sfaticato napoletano in Svizzera dalla sorella, Caterina, che si guadagna da vivere facendo le pulizie per un mental coach e gurù della felicità, Guglielmo Gioia, conosciuto come Dottor Gioia.

Dopo un incidente d’auto con sua sorella, per poter pagare le sue cure, si offre per fare il suo lavoro e finisce per fingersi aiutante del coach, con il nome di Mister Felicità. Dopo una chiamata che potremmo considerare “di prova”, arriva la vera sfida, una pattinatrice depressa dopo una caduta che non vuole più pattinare, anzi, non vuole più alzarsi dal divano. Da lì parte una commedia romantica molto simpatica.

Quello che mi è piaciuto di più è che dimostra quanto per aiutare le persone, e non solo per essere coach, la cosa più importante sia l’essere umani, l’empatia, con:

  • l’ascolto sincero dell’altro, anche quando sembra non stia parlando, e che questo si può esercitare anche inconsapevolmente;
  • e la capacità di scendere là dove si trova la persona che vogliamo aiutare per poter connetterci e riportarla a galla;
  • senza sforzo, senza sacrifici, senza pressioni.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.