l’arte di stare in silenzio (2018)

Oggi voglio parlare di nuovo di un libro piccolo, semplice e con-creto, l’arte di stare in silenzio, il metodo infallibile per non parlare a sproposito, di Amber Hatch. Un libro che più che di silenzio “fuori” parla di come creare, e godersi, il silenzio dentro.

In realtà non parla del silenzio assoluto come assenza di suoni o di parole o pensieri, ma del silenzio come assenza di distrazioni e come possibilità di vincere lo stress vivendo nel qui e ora. Silenzio come porta da cui uscire dal circolo vizioso degli stimoli sonori e visivi che ci portano di qua e di là e non ci danno pace. Da creare con strategie semplici e pratiche per consapevolizzarci e scegliere.

Ci parla dei nemici del silenzio, come possono essere i troppi impegni o le troppe cose di cui dobbiamo occuparci ma che non ci danno gioia nella nostra vita. Con piccoli esercizi il linea con libri di cui abbiamo già parlato come Il Magico Potere di Sbattersene il Ca**o Il magico potere del riordino. Cose semplicissime come rientrare in contatto con le persone allontanandoci dai cellulari, come uscire nella natura, come osservare la luna.

In sostanza, la sua ricetta è molto semplice, prima semplificare e ridurre gli stimoli che ci portano in confusione e ci stressano, per poi poterci concentrare nelle cose che amiamo, hobbies, o che ci riportano nella realtà, la natura, la curiosità, ecc.

E, per finire, silenzio come ascolto, come rispetto, come chiave per comprendere gli altri nelle relazioni. Ascoltare noi stessi e gli altri, e osservare e prenderci la responsabilità della parte delle loro risposte legate alle nostre scelte.

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

affrontare la pausa

affrontare la pausa

Dicono che c’era una volta un ragazzo che voleva diventare monaco ma quando fu al monastero gli dissero che prima doveva prepararsi. Avrebbe dovuto stare da solo due mesi nella sua casa e poi l’avrebbero ammesso.

Ricominciare da se (2017)

Ricominciare da se (2017)

Visto che nelle ultime settimane abbiamo parlato molto più del solito di autoanalisi e reinvenzione, oggi vorrei tornare a Osho, per parlarvi di Ricominciare da Sé, una guida per un viaggio di conoscenza profonda di noi stessi e delle chiavi della beatitudine.

Focus (2015)

Focus (2015)

E anche oggi voglio parlarvi di un film visto su Netflix, con Will Smith, Focus – Niente è come sembra, di nuovo un film su truffatori per rimanere attenti alle manipolazioni di cui siamo costantemente vittime inconsapevoli.