ipocrisia di difesa

06 Oct 20

Ricordo che, quando ero bambina, per mia madre la peggior cosa  che potessimo fare era mentire. Crescendo, per me era essere ipocriti, non dire quel che si pensava o dire una cosa e pensarne un’altra. E ce l’avevo un po’ con tutti perchè l’ipocrisia è molto diffusa.

 Quando incontravo persone che dicevano una cosa e poi facevano un’altra mi facevano arrabbiare, non capivo perchè non potevano dire la verità. Mi sentivo presa in giro e pensavo, tra me e me, “non merito che mi trattino in questo modo”

Quando ho iniziato a studiare per diventare lifecoach ho capito due cose:

  • prima, che non c’entrava con me, (come direbbe Don Miguel Ruiz, nel libro i quattro accordi) che era il loro atteggiamento, la loro personalità, e spesso non sapevano fare diversamente, non sceglievano di non dire la verità, non ne erano capaci, non credevano di poterlo fare;
  • che era una modalità di difesa e non di attacco. Non dicevano la verità per paura, spesso l’ipocrisia nascondeva una mancanza di coraggio.

Infatti, io che ho sempre detto quello che pensavo, mi sono presa un bel po’ di volte nei guai. Mi hanno dato della polemica (ora sono stata promossa e mi danno persino della buonista e della negazionista) e ho patito per essere fedele a quel che pensavo, ma non ho mai smesso.

Da quando ho capito questa cosa, il mio atteggiamento è cambiato completamente, non mi fanno più arrabbiare e sento una grande compassione.

Il mio invito possitivo di oggi è a fermarci un attimo a riflettere prima di arrabbiarci con chi dice bugie, chi tradisce la moglie ma non la lascia, ecc. Sono persone da evitare, assolutamente, ma non serve a nulla arrabbiarci e non aiuta mettere loro di fronte alla loro ipocrisia, perchè non è una loro libera scelta.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Da qualche parte tra questo pianeta e la luna, il basso si trasforma in alto e l’alto in basso.

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.