io

02 Oct 19

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di chi siamo, di chi crediamo di essere, di chi potremo diventare. Di cosa vuol dire “io”, a chi ci riferiamo quando usiamo questo perchè conoscerci è il punto di partenza per poter riuscire ad ottenere qualsiasi cosa.

Una delle più grandi bugie su cui si basa la nostra vita è il fatto che dovremmo agire, per coerenza, con un’unica personalità. Avere un unico modo di fare, condizionato dalle nostre origini e dal nostro passato. Possibilmente in maniera razionale elogica.

In realtà il nostro cervello funziona in una maniera diversa. Nel nostro cervello convivono diversi pensieri, diverse voci, diversi  punti di vista e questo è una ricchezza, non una debolezza.

Abbiamo già parlato del fatto che abbiamo due tipi di voci nella testa, alcune appartengono a quella che chiamiamo la squadra dell’EGO e altre che appartengono a quella che chiamiamo la squadra dell’anima.

In questo incontro parleremo dell’origine di queste voci. Vedremo che ci sono voci che hanno avuto in diversi momenti della nostra vita, è come se (come nella foto sopra) convivessero dentro di noi le diverse personalità che si sono sviluppate nel tempo.

Vedremo che spesso non sappiamo cosa vogliamo perchè c’è un conflitto tra queste voci. Ci sono dei ricordi di quello che eravamo  ancora in noi e convivono con il progetto, o i progetti, di quel che vorremmo diventare. Questo può essere sconvolgente ma la consapevolezza può sempre renderci liberi.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto martedì!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Jostein GaarderJostein GaarderC'è nessuno?

Una risposta non merita mai un inchino: per quanto intelligente e giusta ci possa sembrare, non dobbiamo mai inchinarci a una risposta.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.