io

La settimana prossima, all’incontro di facciamo pace, parleremo di chi siamo, di chi crediamo di essere, di chi potremo diventare. Di cosa vuol dire “io”, a chi ci riferiamo quando usiamo questo perchè conoscerci è il punto di partenza per poter riuscire ad ottenere qualsiasi cosa.

Una delle più grandi bugie su cui si basa la nostra vita è il fatto che dovremmo agire, per coerenza, con un’unica personalità. Avere un unico modo di fare, condizionato dalle nostre origini e dal nostro passato. Possibilmente in maniera razionale elogica.

In realtà il nostro cervello funziona in una maniera diversa. Nel nostro cervello convivono diversi pensieri, diverse voci, diversi  punti di vista e questo è una ricchezza, non una debolezza.

Abbiamo già parlato del fatto che abbiamo due tipi di voci nella testa, alcune appartengono a quella che chiamiamo la squadra dell’EGO e altre che appartengono a quella che chiamiamo la squadra dell’anima.

In questo incontro parleremo dell’origine di queste voci. Vedremo che ci sono voci che hanno avuto in diversi momenti della nostra vita, è come se (come nella foto sopra) convivessero dentro di noi le diverse personalità che si sono sviluppate nel tempo.

Vedremo che spesso non sappiamo cosa vogliamo perchè c’è un conflitto tra queste voci. Ci sono dei ricordi di quello che eravamo  ancora in noi e convivono con il progetto, o i progetti, di quel che vorremmo diventare. Questo può essere sconvolgente ma la consapevolezza può sempre renderci liberi.

Vi ho incuriosito? Spero di si, vi aspetto martedì!

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

di regole ed eccezioni

di regole ed eccezioni

Spesso molti confondono l’ottimismo con ingenuità. Io non sono d’accordo, infatti abbiamo già parlato più volte di quanto il mio concetto di pensiero possitivo sia un esercizio di realismo ottimista o di ottimismo realistico, come preferite.

per quale Dio lavori?

per quale Dio lavori?

Nelle religioni polteiste ci sono più dei e si può scegliere a quale Dio dirigersi in ogni momento. Nelle religioni monotesite c’è la chiesa che ci racconta la storia di Dio, una storia che è unica, ma ognuno di noi, dopo la personalizza e può farsi un idea di Dio completamente personale.

un campo di lamponi

un campo di lamponi

Dicono che c’era una volta un gruppo di ragazzi che, ogni anno, cercava un luogo per fare una settimana di campeggio in una delle valli che circondavano la loro città. Un estate, per caso, trovarono un posto fantastico vicino ad un campo di lamponi.