Il Codice Segreto del Linguaggio (2019)

Il secondo libro di Paolo Borzacchiello, per la mia quarantena è Il Codice Segreto del Linguaggio comprato insieme a Il super senso, e dimenticato nella lista di libri da leggere fino a quando non è arrivato il momento, come sempre una gioia da leggere.

Un saggio che ci insegna come affinare la nostra intelligenza linguistica e costruire la comunicazione perfetta in 10 passi, perchè più spesso di quanto crediamo, non otteniamo quel che vorremmo più perchè non ci capiscono, non ci spieghiamo, che perchè l’altro non ce lo voglia concedere.

In dieci capitoli ci spiega come valutare e migliorare dieci aspetti, i più importanti, per ottimizzare le nostre comunicazioni.

Iniziando dall’analisi della sequenza dei tre cervelli, che ci ha “mostrato” come funziona nel suo libro La parola magica, e poi passando dall’importanza della semantica e delle parole alte, basse e tossiche che possono sembrare sinonimi ma richiamano emozioni e condizionano altamente quello che “ascoltiamo”.

C’è un bellissimo capitolo dedicato alla coerenza e pertinenza metaforica, con molti esempi per dimostrare quanto, per evitare errori nel “descifrare” il messaggio, sia importante parlare il più possibile il linguaggio dei destinatari.

Poi va avanti con le 6 regole della scrittura efficace, di Calvino (legerezza, rapidità, esattezza, visibilità, molteplicità e coerenza) l’importanza di pattern o schemi linguistici e dello storytelling, per coinvolgere l’ascoltatore o il lettore.

Parla anche di linguaggio persuasivo, software mentale (m. i. c. r. o.) ed elementi di semiotica oltre le parole. Ma soprattutto,  delle CTA (call to action) della precisione delle richieste, perchè non possiamo dimenticare che, se comunichiamo, è per ottenere qualcosa e più chiaramente lo definiamo più sarà facile, se abbiamo fatto bene il resto, che il messaggio porti i suoi risultati.

 L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cambiando il modo in cui elaborate ogni evento che via via si presenta sul vostro cammino, potrete vivere una vita felice e realizzata, priva di disordine emotivo.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.