i nostri maestri

12 Jan 21

Ieri, durante la cena, mi sono riferita a una persona come ad uno dei miei “maestri” e mia figlia mi ha detto qualcosa tipo “non credo che tu possa imparare molto da certe persone, non vorrei che diventassi come loro”. Il commento mi ha fatto sorridere e mi ha ispirato questo post su cosa intendo con la parola maestro.

Il fatto è che immaginiamo i maestri come persone piene di calma che ci spiegano le cose e che fanno le cose che vorremmo imitare, perchè il loro metodo prevede l’insegnamento con l’esempio. Ma non sempre è così, a volte persino il maestro Zen attacca i suoi allievi, nella loro formazione c’è anche una parte di arti marziali e lì il maestro usa tutte le armi che ha a disposizione.

Perciò ho pensato di continuare la spiegazione della metafora della vita come vacanza studio. Allora, il “direttore pedagogico”, quello che possiamo chiamare Dio, la vita o l’universo, per poter farci imparare le materie che abbiamo scelto, e poi dimenticato, sceglie i docenti più adatti.

Siccome in questa scuola l’insegnamento è esperienziale, sceglierà le persone che ci faranno esperimentare le cose che dobbiamo imparare a superare. Se io ho incluso nel mio piano di studi che voglio imparare a superare l’ira, mi manderà tre tipi di persone: quelle che sanno gestire la rabbia, perchè possiamo vedere come si fa; quelle che non sanno gestirla perchè vediamo cosa succede se non si fa bene, e quelle che ci faranno arrabbiare per vedere se abbiamo imparato.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a vedere oltre, oltre a quello che sucede fuori, a quello che le persone fanno, per poter vedere dentro, per poter vedere o comprendere come ci fanno sentire, come ci fanno stare,  perchè la lezione si nasconde lì. Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Aver bisogno di essere approvato è come dire: vale più il tuo concetto su di me dell'opinione che ho di me stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.