fare pace

Chi mi conosce sa che la serenità e la pace sono tra i miei temi preferiti. Il nome dell’incontro bisettimanale che tengo da cinque anni, facciamo pace, si riferisce alla pace interiore, con noi stessi, ma oggi voglio parlare di fare pace con gli altri.

Per quelli che non vivono da soli, uno degli aspetti più difficili di questa quarantena è che ci obbliga a passare molto tempo chiusi con le stesse persone, con cui in un momento normale passiamo un tempo limitato. In più, sia noi che loro siamo sotto una pressione psicologica particolare.

E, da questa pressione, è facile che scattino delle scintille, che vengano fuori le suscettibilità, le manie, le sensibilità di ognuno e vengano “calpestate” dall’altro, volendo o senza volerlo. È facile che vengano fuori malintesi, reazioni esagerate, ecc. che potrebbero farci stare male.

La buona notizia è che non possiamo scappare molto lontano per allontanarci e dobbiamo affrontarle per forza.Normalmente ignoriamo queste cose, dimentichiamo quel che ci ha fatto stare male, il dettaglio, il fatto, quello che potremmo “chiarire” parlando, ma il malessere rimane nascosto da qualche parte.

In questi giorni è più difficile allontanarci e possiamo approfittare per parlarne subito, abbiamo una possibilità che ci viene offerta, per migliorare la nostra vita anche dopo, se riusciamo a vedere le opportunità che ogni crisi nasconde, potremo uscirne più forti.

Che ne dite? Proviamo a fare pace ogni volta che possiamo e a ? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

piccole distrazioni

piccole distrazioni

Da inizio settembre mi sono messa a dieta, sono andata da Manuel Turolla, l’autore del libro Il metabolismo intelligente di cui vi avevo parlato. Tra le altre cose, ho smesso di bere cocacola, anche se era zero e di mangiare qualsiasi cosa tra i pasti.

i tre livelli del sè

i tre livelli del sè

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

La vita davanti a sè (2020)

La vita davanti a sè (2020)

Questa settimana, in questo clima di desunione e di guerra dei poveri mi sono guardata La vita davanti a sè, con una Sofia Loren che arriva al cuore anche alla sua età e un bravissimo Ibrahima Gueye.