dobbiamo parlare

Spesso parliamo dell’importanza del parlare e delle parole, delle parole che usiamo e dell’uso che ne facciamo, delle connota-zioni che possono avere nella testa di chi parla e di chi sente, oggi voglio fare un invito e una difesa del “dobbiamo parlare“.

 Ci lamentiamo sempre che le stagioni non sono quelle di una volta, chei valori non sono quelli di una volta, che le parole non sono quelle di una volta… sulle stagioni non possiamo fare niente ma sui valori e sulle parole sì.

Molte parole hanno perso (o stanno perdendo) il loro significato, alcune sono belle, come “ti amo” o “scusa“, e vengono usate in maniera superficiale e distratta. O peggio, evitate perchè non hanno più il significato che vorremmo.

Il problema è che, facendo così, lavoriamo per il nemico, contro noi stessi. C’è chi dice che quello che ci differenzia degli animali è che noi abbiamo un anima e loro no. Ma c’è anche chi dice che anche loro ce l’hanno. Quello che non si può negare è che noi abbiamo le parole.

Rinunciare alle parole è come vivere con gli occhi chiusi. Non è che non possiamo vivere senza la vista, se l’abbiamo persa, ma se ce l’abbiamo… perchè dovremmo farne a meno?

Perciò il mio invito è questo: parliamone! parliamoci! spiegiamoci e ascoltiamoci. E facciamolo il prima possibile, e facciamolo spesso. Ma soprattutto facciamolo in profondità, spiegiamoci per quel che siamo, raccontiamoci e ascoltiamo per capire e non solo per rispondere.

Che ne dite? Vi va? Proviamo?!

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

La felicità significa non lamentarsi di quello per cui non c'è niente da fare. Le lamentele sono il rifugio di coloro che non hanno fiducia in se stessi.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

andata e ritorno

andata e ritorno

Ieri sera, al nostro incontro online di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, come promesso, abbiamo parlato della dualità e di come gestirla, e abbiamo parlato di come si può appliccare il concetto al doppio percorso della scuola della vita.

l’aureola troppo stretta

l’aureola troppo stretta

Dicono che c’era una volta un saggio insegnante di filosofia, ammirato da tutti i suoi allievi perchè non insegnava solo la storia dei filosofi, ma anche a pensare. Un giorno, quando arrivò in classe i ragazzi erano particolarmente agitati per una frase letta nel bigliettino di un biscotto della fortuna.

Il talento del calabrone (2020)

Il talento del calabrone (2020)

Questa settimana, mi sono guardata Il talento del calabrone, su primevideo, con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, e Anna Foglietta. Una storia un po’ all’americana, ho letto da qualche parte, molto avvincente e con finale a sorpresa.