Covidioti

25 Jan 22

Ieri ho scoperto una cosa curiosa, la parola covidiota può avere due significati completamente opposti. Si può riferire sia a chi è diventato esageratamente spaventato dal virus e dagli effetti che potrebbe avere in noi sia a chi non si è mai fidato dalla narrativa ufficiale.

Il fatto è che, il neologismo covidiota, che io ho sempre utilizato per le persone che erano diventate esageratamente spaventate da questa malattia, che non si fermavano alle misure promosse dal governo, ma volevano andare oltre, non volevano toccare i soldi e disinfettavano la spesa prima di metterla a posto. Quelli che hanno comprato carta igienica o farina che pareva stesse per finire il mondo.

Poi, con il progredire della pandemia, quando hanno iniziato a sorgere alcune voci fuori dal coro che dicevano che non ce la stavano raccontando giusta, che i dati non erano certi, che c’era qualcosa che non andava… Anche questi sono stati definiti covidioti, oltre a complottisti e, ora, no vax.

Il fatto è che, in questa storia, tutti hanno una parte di verità, discuttere sul numero di morti non ha senso, ma le informazioni sono state sfruttate dagli uni e dagli altri fino a rendere quasi impossibile il dialogo. Prima ci hanno divisi e poi colpevolizzati. Quelli che ancora credono alla narrativa ufficiale danno la colpa del protrarsi della situazione ai così detti no vax senza rendersi conto della poca logica che abbia questo argomento. E anche quelli che parlano di complotti esagerano i loro discorsi fino a livelli in cui si perde, di nuovo, ogni logica.

La buona notizia è che, sebbene è così semplice diventare covidiota, visto che si può riferire a entrambi gli estremi della situazione, è sempre possibile rimanere in equilibrio, con buon senso, curiosi, neutrali, usando il proprio cervello in maniera razionale, realista e funzionale e senza lasciarci trascinare dalle emozioni che ci portano da una parte o dall’altra.

 Il mio invito possitivo di oggi è proprio a diventare covidscettici, a non accettare che tutto valga quando si parla di questa malattia, che possano dire tutto quello che vogliono come se fossimo bambini dell’asilo che possono solo scegliere fra ubbidire e fare i capricci, ma come adulti, che vogliono conoscere quella verità che si trova nello spazio tra i due estremi. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vecchie convinzioni non ti portano a nuovo formaggio

 

auguri e buoni propositi

auguri e buoni propositi

Un altro dei ricordi che mi mancano tanto di quando ero bambina è quello degli auguri di buon anno. Oggi giorno si parla solo di buoni propositi, di obbietivi da raggiungere, di sforzi, d’impegno… come se tutto dipendesse da noi, dai nostri desideri e dalla nostra volontà.

Klaus (2019)

Klaus (2019)

Questa settimana voglio parlarvi di un film molto simpatico, Klaus: I segreti del Natale, che racconta la storia di un Santa Klaus in un modo un po’ particolare, una leggenda nata un po’ per caso, pezzo a pezzo, da una serie di situazioni particolari e piccole coincidenze.

Goool! (2013)

Goool! (2013)

Questa settimana, visto che l’Argentina ha vinto il mondiale, ho pensato di rivedere un film argentino di dieci anni fa sul calcio: Goool! una bellissima storia sull’amicizia, sullo spirito di squadra, ma soprattutto sullo sport, in cui, per giocare, servono gli avversari, di cui dicono “è più quel che ci unisce che quel che ci separa”.