bisogno di aria

Martedì prossimo, all’evento di facciamo pace parleremo di un nuovo acronimo che mi è venuto in mente la settimana scorsa parlando con una amica di come cambiare le nostre parole per cambiare il nostro mondo, il nostro universo, le nostre potenzialità.

Stavamo riflettendo su come le nostre parole possono determinare la nostra vita, seguendo il discorso che avevamo iniziato qualche mese fa sulle parole di Gandhi sul badare alle parole… perche diventeranno il nostro destino, e sull’importanza dell’ascoltarci, dell’ascoltare i messaggi con cui ci auto-condizioniamo usando il passato come ragione o scusa, a seconda di come lo guardiamo.

E partendo da li abbiamo creato l’acronimo per poter cambiarle, qualcosa di semplice, come respirare:

  • A, come ascoltare, perchè per iniziare basta ascoltare quello che altri ci dicono, quello che noi stessi ci diciamo, quello che pensiamo, soprattutto quando è negativo, quando è limitante, quando non ci piace
  • R, come relazioni, ma anche come responsabilità, perchè quello che ci limita non sono le cose che succedono o sono successe, ma le relazioni che ci raccontiamo e che le legano le une alle altre.
  • I, come immaginazione, perchè in ogni momento possiamo immaginare delle relazioni diverse, e dando a queste una possibilità possono diventare reali quanto quelle vecchie, come quelle che ci avevano condizionati fino ad ora.
  • A, come azione, perchè alla fine tutto quello che pensiamo per poter dare frutti dobbiamo metterlo in pratica; se agiamo come se le nuove relazioni che ci siamo create fossero vere, tutto lo diverrà.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Venite e continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Cio che dai ritorna sempre

Cio che dai ritorna sempre

Dicono che c’era una volta un contadino tibetano che bussò alla porta del vicino monastero. Come di prassi, le porte vennero aperte dal monaco responsabile di accogliere le visite. Il contadino senza troppi convenevoli, porse in regalo al giovane monaco alcuni grappoli d’uva.

Guerrieri metropolitani (2015)

Guerrieri metropolitani (2015)

Questa settimana, ho letto Guerrieri metropolitani. Combattere fuori per vincere dentro. La filosofia degli sport da combattimento di Salvatore Brizzi, e mi è piaciuto molto come parla dell’EGO e del qui e ora, di come si possono gestire in ogni situazione.

the manor (2021)

the manor (2021)

Questa settimana ho visto, questa volta su prime video, un film americano molto particolare, The Manor. Un thriller ambientato nei nostri giorni, che mischia momenti di vita normale e reale e una storia paranormale con un finale che non avevo mai visto.

l’universo in tasca

l’universo in tasca

Dicono che c’era una volta un grande guerriero, famoso perchè vinceva le battaglie con facilità. I suoi omini che lo ammiravano tanto che avrebbero dato la vita per lui. Dicevano che era rigido ma giusto, che aveva i piedi per terra ma anche un tocco magico.