bisogno di aria

08 May 19

Martedì prossimo, all’evento di facciamo pace parleremo di un nuovo acronimo che mi è venuto in mente la settimana scorsa parlando con una amica di come cambiare le nostre parole per cambiare il nostro mondo, il nostro universo, le nostre potenzialità.

Stavamo riflettendo su come le nostre parole possono determinare la nostra vita, seguendo il discorso che avevamo iniziato qualche mese fa sulle parole di Gandhi sul badare alle parole… perche diventeranno il nostro destino, e sull’importanza dell’ascoltarci, dell’ascoltare i messaggi con cui ci auto-condizioniamo usando il passato come ragione o scusa, a seconda di come lo guardiamo.

E partendo da li abbiamo creato l’acronimo per poter cambiarle, qualcosa di semplice, come respirare:

Acome ascoltare, perchè per iniziare basta ascoltare quello che altri ci dicono, quello che noi stessi ci diciamo, quello che pensiamo, in ogni momento, soprattutto quando è negativo, quando ci limita, quando non ci piace.

R come relazioni, ma anche come responsabilità, perchè quello che ci limita non sono le cose che succedono o sono successe, ma le relazioni che ci raccontiamo e che le legano le une alle altre.

 I  come immaginazione, perchè in ogni momento possiamo immaginare delle relazioni diverse, e dando a queste una possibilità possono diventare reali quanto quelle vecchie, come quelle che ci avevano condizionati fino ad ora.

A come azione, perchè alla fine tutto quello che pensiamo per poter dare frutti dobbiamo metterlo in pratica; se agiamo come se le nuove relazioni che ci siamo create fossero vere, tutto lo diverrà.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Venite e continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.