a come atteggiamento

25 Aug 21

Un’altra delle parole che mi vengono in mente quando penso al linguaggio possitivo è atteggiamento. Credo sia la chiave per aprire tutte le porte, anche quelle del paradiso. L’atteggiamento è quello che vedono gli altri ma è anche una vibrazione che sente l’universo. Ci sono alcuni atteggiamenti poco funzionali, come quello vittimistico o quello saccente.

L’atteggiamento, secondo il dizionario è il comportamento assunto da una persona o da un gruppo di persone in una circostanza o nei riguardi di altre persone e gruppi, o anche rispetto a fatti, dottrine, problemi.

L’atteggiamento possitivo è un atteggiamento possibilistico, che non da mai nulla per scontato, che sa di non sapere abbastanza, è l’atteggiamento che ha un apprendista, sempre pronto a imparare qualcosa di nuovo, e a trovare le soluzioni che si nascondono nei punti ciechi delle nostre convinzioni.

Ed è anche flessibile, adattabile, cambia quando cambiano le circostanze, con coerenza, cresce, si formalizza, e si rilassa. Perchè l’atteggiamento dipende da dove siamo e da con chi ci troviamo, ma soprattutto dipende da chi siamo, da quello che vogliamo ottenere, da quanto siamo in pace e da quanto crediamo di avere il comando della nostra vita.

La buona notizia è proprio questa, che possiamo sempre cambiare il nostro atteggiamento, possiamo imparare e allenarci ad avere un atteggiamento più funzionale e costruttivo.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri incontri di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, per capire gli effetti che ha il nostro atteggiamento sugli altri, e come cambiarlo. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pensa agli altri, ci dice la società. Ama il prossimo tuo, esorta la Chiesa. A quanto pare, nessuno si ricorda mai del "come te stesso". Se è vero che vuoi conseguire la felicità nel presente, proprio questo, invece, dovrai imparare a fare: amare te stesso.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

la tazzina di caffè

la tazzina di caffè

Dicono che c’era una volta un gruppo di alunni, affermati nelle loro carriere, che andarono tutti insieme a trovare uno dei loro vecchi professori del liceo. Dopo un pò che erano lì la conversazione si trasformò in una serie di lamentele sullo stress del lavoro e della vita.

Pianeta Verde (1995)

Pianeta Verde (1995)

Questa settimana mia mamma mi ha fatto notare che hanno messo su Netflix uno dei film francesi degli anni 90 che io ho sempre adorato: Pianeta verde, di 1996. Uno di quei film, come La Crisi, di critica sociopolitica che ci fa vedere il nostro mondo da un’altro punto di vista.

Il filo invisibile (2022)

Il filo invisibile (2022)

Questa settimana ho visto un film italiano, molto nuovo e che parla di temi nuovi, come l’omogenitorialità, le famiglie arcobaleno, le madri portatrici, insieme ai temi di sempre, gli adolescenti, i problemi dentro e fuori la famiglia, ecc. Si chiama Il filo invisibile e mi è piaciuto molto.