a come astrologia e archetipi

17 Nov 21

Oggi parleremo di due parole che iniziano con la a e sono molto importanti per il Vocabolario possitivo che stiamo raccogliendo insieme nei nostri incontri facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e sono astrologia e archetipi, che possono aiutarci a spiegare le voci che abbiamo nella testa.

Dal punto di vista dell’astrologia psicologica ed evolutiva, possiamo vedere nel nostro tema natale molte informazioni sulla nostra personalità, sulle cose in cui siamo bravi e quelle in cui facciamo fatica, e persino sui cambiamenti nel tempo di queste.

L’astrologia consiste nello studio delle posizioni in cui si trovavano i pianeti nel momento della nostra nascita e della corrispondenza di queste posizioni con i diversi segni zodiacali e case. Questa informazione può essere letta in maniera predittiva o evolutiva, come una descrizione di influenze che ci renderanno più facile o difficile fare certe attività o attivare alcune parti di noi.

Quando diciamo “sono capricorno” vuol dire che nel momento della mia nascita il sole era in quel segno zodiacale ma, a seconda di dov’erano tutti gli altri pianeti, ci sono migliaia di altri aspetti che influenzeranno la mia personalità e la mia vita.

Ogni pianeta rappresenta una parte di noi, la nostra individualità, la nostra emotività, la nostra responsabilità, la nostra ombra e tutto quello che non vogliamo vedere o ammettere di avere dentro di noi. A seconda della corrispondenza nel nostro tema natale con un segno zodiacale e una casa si esprimeranno in un modo o in un’altro.

La buona notizia è che abbiamo un piccolo manuale d’istruzioni della nostra personalità, della nostra individualità, in cui possiamo capire perchè regiamo in maniera diversa alle situazioni e come tenere sotto controllo queste influenze, perchè sono solo quello “influenze”.

 Il mio invito possitivo di oggi è proprio a cercare di capire un po’ il nostro tema natale, che possiamo calcolare sul sito www.astro.com e a partecipare al prossimo incontro di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, in cui analizzeremo un po’ gli effetti di questi elementi e come superarli… Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

 

Aspettando i soccorsi

Aspettando i soccorsi

Dicono che c’era una volta una miniera in cui ci fu un crollo che lasciò isolati sei minatori che lavoravano in una galleria molto profonda estraendo minerali dalle viscere della Terra. L’uscita del tunnel era sigillata. Si guardarono l’un l’altro in silenzio, valutando la situazione.

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Fake news: sicuri che sia falso? (2018)

Quando mi chiedono perchè parlo di plandemia e rispondo che non mi convince la narrativa, è dovuto anche a che ho letto libri come questo Fake news: sicuri che sia falso? Gestire disinformazione, false notizie e conoscenza deformata, di Andrea Fontana, che mi hanno insegnato a vedere in maniera diversa le notizie.

Encanto (2021)

Encanto (2021)

Per la settimana del mio compleanno voglio parlarvi dell’ultimo film Disney che ho visto, Encanto, un film ambientato nella bellissima Colombia, che parla di una famiglia speciale e magica, in cui ogni membro riceve un dono all’età di cinque anni, tranne Mirabel, che non ha avuto quella fortuna.