a come appartenenza

Un’altra parola sulla quale possiamo riflettere per migliorare la nostra vita è appartenenza. Perchè, l’appartenenza è un bisogno universale, dell’essere umano che condiziona molte delle nostre scelte, a volte contro altri bisogni individuali e contro i nostri desideri.

Per Maslow, nella sua piramide dei bisogni, l’appartenenza è il primo bisogno “sociale”, ovvero, la prima cosa a cui possiamo pensare quando abbiamo già soddisfatto i bisogni fisiologici e quelli legati alla sicurezza della nostra vita.

Gli esseri umani hanno bisogno di appartenere a qualcosa di più grande, a una comunità, di essere amati e di amare, di fare parte di un gruppo, anche per sentirsi protetti, e di cooperare, per poter fare cose più grandi di quelle che si possono fare da soli.

Ma appartenere vuol dire anche sottostare alle regole del gruppo, ubbidire, e spesso non pensare con la propria testa o ignorare se stessi, i propri desideri, le proprie iniziative, ecc. A volte quello che dobbiamo pagare per essere parte di un gruppo, il prezzo dell’appartenenza è più alto di quello che otteniamo in cambio.

La buona notizia è che possiamo cambiare gruppo. Oggigiorno, possiamo, se siamo nati in un paese, in una famiglia, o in un gruppo sociale che ci chiede più di quanto possiamo dare, che ci chiede di andare contro la nostra essenza… in qualche modo possiamo spostarci, possiamo trovare un paese più adatto, degli amici come noi, o un gruppo sociale che condivida gli stessi valori.

Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri incontri di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e a non pensare che siamo sbagliati, a non arrenderci, anche quando sembra che siamo gli unici che la pensano in un certo modo, a cercare altri come noi, a cercare e a creare gruppi nuovi, più adatti al mondo che è cambiato e continua a cambiare. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ma cosa facciamo, in genere, quando abbiamo un sentimento negativo? "È colpa sua. Deve cambiare". No! Il mondo è a posto. Chi deve cambiare siete voi.

 

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tutto normale il prossimo natale (2021)

Tra un mese è Natale e, siccome io amo il Natale ho iniziato a guardarmi i film di Natale di quest’anno con un film Brasiliano, Tutto normale il prossimo Natale, un film sullo spirito del Natale, particolare, che ha incantato persino me che non amo la comicità brasiliana.

l’ordine delle cose

l’ordine delle cose

Dicono che c’era una volta un uomo molto saggio a cui tutti andavano a chiedere consiglio e parole di conforto per ogni occassione. Dicono che una volta uno dei signori più ricchi del luogo gli chiese una frase importante per conmemorare la nascita del suo primo nipote.

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

La tua parola è una bacchetta magica (1927)

Questa settimana, ho letto un’altro libro di Florence Scovel Shinn, questa volta ho letto La tua parola è una bacchetta magica, un po’ come il gioco della vita, un compendio di rifflessioni, affermazioni e storie sulla legge di attrazione e il New Thought.