a come aiutare

08 Sep 21

Ieri abbiamo ripreso i nostri incontri del nostro facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, dopo la pausa estiva e, come promesso, lo abbiamo fatto con alcune parole con la A, una delle parole di cui più abbiamo parlato è stato AIUTO perchè non tutti sapevano che non si può aiutare chi non ci chiede aiuto.

Aiutare non è semplice come sembra, a volte cerchiamo di aiutare qualcuno e il nostro aiuto viene respinto con più o meno forza,con o senza spiegazioni, ed è molto frustrante.

Anzi, spesso il nostro primo pensiero è “allora la prossima volta non ti aiuto, così  impari”. Ma è controproducente perchè danneggia i rapporti, ci sembra giusto e logico ma è deleterio, ci ruba energia.

Il fatto è che non possiamo aiutare chi non ci chiede aiuto per una, o più, delle seguenti ragioni:

  • la persona non pensa di avere bisogno di aiuto, perchè non è, del tutto o in parte, consapevole di avere bisogno di aiuto, non pensa di avere un problema o crede di poter farcela da sola;
  • la persona non pensa di avere bisogno di aiuto da noi, o perchè non ci reputa in grado o perchè pensa di non meritarlo.

La buona notizia è che sapendo che chi non accetta il nostro aiuto non lo fa con disprezzo nei nostri confronti, ma perchè non riesce a vedere l’utilità di quel che gli offriamo.

 Il mio invito possitivo di oggi è proprio a partecipare ai nostri incontri di facciamo pace, laboratorio di inmunosuficienza psicologica, e a capire che l’aiuto è qualcosa che si offre, che non si può imporre. Che ne dite? Vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Qualunque cosa ti capiti nella vita, tu solo hai la facoltà di decidere come reagire. Se ti abitui a cercare in ogni situazione il lato positivo, la qualità della tua vita sarà più elevata e più ricca. Questa è una delle leggi più importanti della natura

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.