Offline (2020)

Oggi voglio parlarvi di un film brasiliano che potete rovare su Netflix, Airplane Mode (o Offline) nuovo, nuovo, appena uscito quest’anno. Una bellissima storia sulla superficialità e le profondità della vita.

Inizia con una ragazza che di mestiere fa l’influenzer, tutto il giorno al telefono, nel suo mondo superficiale e virtuale… Il lavoro, l’amore, l’amicizia, tutto il suo tempo è dedicato ad apparire quel che gli altri si aspettano senza riuscire mai ad essere se stessa, lontana dai likes e dai follower.

Dopo una serie di incidenti dtradali i genitori la mandano da suo nonno in campagna. Là troverà la vita vera, con i suoi problemi e le sue sfide ma anche con tutte le possibilità che il virtuale non offre. Anche l’amore, l’amicizia, il lavoro manuale. La bellezza della natura, il contatto con le cose che erano state della nonna, le danno l’ispirazione per uscire dall’effimero ed entrare in contatto con qualcosa di più profondo e “vero”.

Senza dover lasciare tutto per andare nella campagna brasiliana, tutti potremmo trarne qualche beneficio di sguardi alla vita “reale” e alle persone e le cose che abbiamo vicine. Che ne dite? proviamo?

Non ho trovato il trailer in italiano ma vi lascio quello in inglese, comunque lo trovate su Netflix.

L’avete visto? Vi è piaciuto? Se no, ve lo consiglio…

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

Nick lo scatenato (1984)

Nick lo scatenato (1984)

Questa settimana voglio parlare di nuovo di un film molto vecchio, con due fantastici Sylvester Stallone e Dolly Parton , Nick lo scatenato. Una bellissima commedia sulle possibilità, sull’allenamento, e sul coaching.

il salto quantico

il salto quantico

Molti coach e guru amano parlare di salti quantici, spesso li dipingono come qualcosa di complicato, di strano, di magico, quasi irragiungibile per molti. Secondo me il salto quantico è qualcosa di semplice (che non vuol dire facile) e ve ne parlerò al prossimo incontro di facciamo pace.

facile, facile

facile, facile

Viviamo in un mondo che è governato, tra altri “concetti” stres-santi e frustranti, dal culto del “facile, facile“. Siamo circondati da apparati e apparecchi che ci rendono la vita più facile ma questo potrebbe tornarci contro come un boomerang.

mi sposo

mi sposo

Dicono che c’era una volta, un saggio e venerato maestro, noto per la sua bontà nei confronti di tutti gli esseri viventi, che arrivò ad un monastero e chiese di essere ospitato per qualche giorno.