molto lavoro

Dicono che c’era una donna eremita che viveva da sola in una montagna, passava le giornate a meditare, ad esercitarsi da sola e a cantare e ballare i suoi canti e balli rituali, aveva studiato con un maestro peruviano e da allora continuava da sola il suo lavoro.

Ogni tanto qualcuno saliva e le chiedeva cosa faceva lì da sola. E lei rispondeva che aveva molto lavoro. Un giorno salì un giovane che la aveva osservata dal paese per giorni e si era incuriosito dei suoi movimenti e dell’energia che sembrava circondarla.

– cosa fai qui da sola? – chiese
– ho molto lavoro da fare – rispose lei.

– lavoro? quale lavoro? qui non c’è nulla!
– devo allenarele fiere, i falchi, le aquile, calmare i coniglietti, disciplinare il serpente, motivare un asinello e domare un leone.

– e dove stanno adesso? non vedo nessuno qui! – sorrise
– sono tutti dentro di me…
– I falchi si lanciano su qualsiasi cosa si muova, senza pensare se può farmi bene o male, devo allenarli perchè cerchino solo cose belle, sono i miei occhi;
– le acquile con i loro artigli feriscono e strappano qualsiasi cosa. devo insegnare loro a non fare del male, sono le mie mani;
– i conigli vogliono andare solo dove si trovano bene, ed evitare ogni difficoltà, devo insegnare loro a camminare anche tra le sofferenze per poter andare avanti, sono i miei piedi;
– l’asino è sempre stanco, ostinato e testardo, è il mio corpo;
– il serpente è chiuso in gabbia ma comunque anche da lì riesce a mordere ed avvelenare chiunque si avvicina quando è agitato, è la mia lingua;
– e poi c’è il leone, orgoglioso e vanitoso, crede di essere il re e vuole comandare tutti, è il mio ego!

Dopo un momento di silenzio, lei aggiunse:
– e tu? qual’è il tuo lavoro? come stanno i tuoi animali?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Incamminatevi sul sentiero della manifestazione della vostra spiritualità praticando l'amore incondizionato. Realizzerete la divina connessione liberandovi di tutti gli strumenti dell’io: giudizio, ira, moralismo, prediche, odio, rancore...

Wayne W DyerInventarsi la vita

 

Criminali come noi (2019)

Criminali come noi (2019)

Oggi voglio parlarvi di un film argentino, bellissimo, che parla di una crisi economica come quella che si dice stia arrivando dopo il coronavirus, con Ricardo Darín, che in spagnolo ha il titolo meraviglioso di La odisea de los Giles, e hanno tristemente tradotto come Criminali Come Noi.

filtrare le notizie

filtrare le notizie

In questi giorni continuano ad arrivare messaggi di ogni tipo, su quello che sta sucedendo, nel nostro paese, negli altri paesi, che possono influenzare il nostro stato d’animo dando fuoco alle nostre emozioni più distruttive, come la paura e la rabbia.

il conto

il conto

Dopo un po’ di giorni, in cui tutti parlano di coronavirus, degli effetti della malattia e delle misure prese per sottometterla che stanno mettendo in moto i diversi paesi, dei suoi effetti anche economici, psicologici e sulla società, voglio dirmi la mia.

obiettivi comuni

obiettivi comuni

Dicono che c’era una volta un preside preoccupato perchè i suoi allievi erano sempre più competitivo fra di loro, non si aiutavano, facevano fatica a fare lavoretti e ricerche di gruppo. Quando iniziarono a snobbare i più deboli e lenti decise che bisognava fare qualcosa.