fazzoletti colorati

La settimana scorsa, all’evento di facciamo pace abbiamo parlato di cabaret, abbiamo parlato di comicità, di teatro e di racconti ma il cabaret è anche musica e anche magia. E, infatti, oggi voglio parlare di un vecchio trucco di magia con dei fazzoletti colorati…

Avete presente quel trucco in cui il mago iniziava a tossire come se avesse qualcosa in bocca o nella gola, e tirava fuori un fazzoletto che sembrava infinito, tirava e tirava e continuava a uscire roba, e, ogni volta che sembrava stesse per finire cambiava soltanto colore?

Ho avuto una visione in cui i ricordi erano un po’ come quel fazzoletto, quei fazzoletti… Il film Inside out ce li ha mostrati come delle biglie, come delle bolle di sapone ripiene di un aria di uno o più colori a seconda delle emozioni che il ricordo suscita.

Io me li sono visti più come i fazzoletti che si usano per fare questo trucco. Inizialmente sono aggrovigliati disordinatamente ben nascosti nel buio della bocca del mago e tutti i colori sono vicini gli uni agli altri, fino a quando inizia a tirarli fuori, uno ad uno, e come le ciliegie, uno tira l’altro…

E si possono distinguere i colori. I colori delle diverse emozioni, ogni emozione, una dopo l’altra fino a quando non ci fermiamo, fino a quando non troviamo una emozione che ci fa troppo male, che non vogliamo vedere, e in quel caso ci fermiamo.

Peccato che se ci fermiamo, tutte le emozioni inespresse ci rimangono in gola. Solo quando riusciamo a tirarle fuori tutte possiamo andare avanti e continuare il nostro spettacolo.

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

Psicotrappole (2013)

Questa settimana sono tornata a leggere qualcosa di Giorgio Nardone, che era da molto che non leggevo, e ho scelto Psicotrappole, che parla di come spesso ci costruiamo, la nostra mente costruisce, delle trappole in cui cadiamo sperando che comportamenti che hanno funzionato in passato debbano per forza funzionare di nuovo.

Malati di sesso (2018)

Anche questa settimana, una commedia italiana, Malati di sesso, con Francesco Apolloni, che oltre a protagonista è anche sceneggiatore e Gaia Bermani Amaral. Una commedia sentimentale sull’amore e il sesso, sulle donne e gli uomini, molto più simili di quanto normalmente ce li raccontino.

ma… tu, ti ami?

Dopo l’incontro della settimana scorsa di facciamo pace, parlando di quanto ci conosciamo siamo finiti a parlare di quanto dipendiamo gli uni dagli altri e ho avuto una delle mie piccole illuminazioni sull’amore incondizionato e sulle basi su cui si possa costruire.