di eroi e di battaglie

La settimana scorsa nell’ultimo appuntamento prima delle vacanze di pasqua del laboratorio degli eroi abbiamo parlato delle battaglie e del viaggio di ritorno. Abbiamo parlato di sensi di colpa e di come per nascondere un errore spesso ne comettiamo altri e probabilmente peggiori e più gravi. Ma soprattutto abbiamo parlato di consapevolezza e di come, se non sappiamo dove vogliamo andare, le distrazioni possono essere fatali.

Alla fine dell’incontro precedente avevamo parlato di  armi di distrazione di massa come gli smartphones e il continuo possibile accesso a internet, la tv con film e telefilm e altri strumenti che ci offrono realtà possibilmente più interessanti delle nostre vite “vere”…

Oggi abbiamo parlato di come, se non so dove voglio arrivare, è difficile che possa capire se ogni passo che do mi avvicina o mi allontana da quel futuro. Ogni volta che la vita mi offre un ostacolo, uno stimolo, qualcosa che non mi piace o che non è come me l’aspettavo…

Per decidere come reagire, per poter scegliere le mie battaglie,  e come ricalcolare il percorso devo conoscere sia il punto in cui mi trovo che quello dove voglio andare.

Vi ispira? Continuerò ad aggiornarvi e a lavorare  nella futura versione per adulti, vi piacerebbe partecipare?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quelli che riconoscono che i problemi fanno parte della condizione umana, e che non misurano la felicità dall'assenza di problemi, sono gli esseri più intelligenti che si conoscano, e sono anche i più rari.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. DyerLe tue zone erronee

 

Il Ritorno di Mary Poppins (2018)

Anche oggi, voglio parlare di immaginazione con Il Ritorno di Mary Poppins, molto particolare perchè è un musical e anche un mix di animazione e attori. Diciamo che a me piacciono tutti i generi, ma ve ne voglio parlare perchè credo che tutti abbiamo bisogno di questo tipo di messaggi… E, come cantano a metà film “non dovremmo giudicare un libro dalla copertina” nè un film dal suo genere.

corpo, mente e spirito

Ieri stavo riflettendo alla ricerca di una nuova metafora per rappresentare la nostra tripla natura, come corpo, mente e spirito, un po’ ispirata dai libri che sto leggendo e preparando ma anche dai discordi con alcune persone molto scettiche, e mi sono ricordata i disegni delle isole che avevo fatto per parlare di ponti e di tunnel.

come si perde la vita

Dicono che c’era una volta un bambino che viveva con i nonni perchè i genitori erano morti quando era molto piccolo. I nonni erano anziani ma arzilli e non gli fecero mai mancare nulla. Cresceva felice e sereno finchè un giorno venne a mancare anche la nonna.