vita e morte

09 Aug 21

Dicono che c’era una volta un anziano derviscio che si imbarcò in una nave per una lunga traversata, quando gli altri passeggeri salirono a bordo e lo notarono, come accade generalmente in questi casi, molti andarono da lui a turno per chiedergli consiglio:

 Il derviscio si limitò a ripetere ad ognuno la stessa cosa, dava l’impressione di recitare una di quelle formule sulle quali tutti i dervisci fissano talvolta la loro attenzione. La formula era: “Se volete vivere meglio, avere successo nelle vostre imprese ed essere felici, cercate di essere sempre coscienti della morte”.

Pochi furono i viaggiatori che si sentirono particolarmente soddisfatti da quell’esortazione.

Poco dopo si scatenò una terribile tempesta. Il mare e il cielo facevano gara a chi era più agitato. Tuoni, onde, lampi, la nave che sembrava non poter ubidire ai comandi dei marinai che faticavano a rimanere in piedi.

Tra i passggeri, alcuni gridavano di terrore, credendosi perduti, mentre altri pregavano nella frenetica speranza che qualcuno venisse a soccorrerli, e in un angolo, il derviscio, per tutto il tempo, invece, era calmo e non reagiva affatto all’agitazione e alle scene di panico che si svolgevano intorno a lui.

Alla fine, quando la burrasca si acquietò, il mare e il cielo si calmarono e tutti i passeggeri si resero conto di essere di nuovo in pace, qualcuno si rese conto di quanto il derviscio fosse rimasto sempre sereno durante la tempesta e gli chiese:

– Ma, come hai fatto a ignorare on ti sei reso conto che durante quella terribile tempesta eravamo tutti a un passo dalla morte?.

– Ah, sì! certo, – rispose il derviscio – Certo che mi sono reso conto, in mare è sempre così, siamo a un passo dalla morte anche senza tempesta! Il fatto è che, a differenza di voi, io mi rendo conto ci rifletto spesso sull’argomento, perchè anche quando siamo a terra, ci sono momenti in cui siamo molto vicini alla morte, è questo che vuol dire essere vivi, no?

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published.

Nelle mani di chi regala un fiore rimane sempre un po’ di profumo

 

La palestra dell’autostima (2021)

La palestra dell’autostima (2021)

Questa settimana voglio parlarvi del libro La palestra dell’autostima. Sette passi per conquistare il rispetto che meriti, di Gabrielle Fellus, un libro che insegna e invita a difendersi in ogni situazione, proporzionatamente, da ogni maltrattamento, che sia verbale, mentale o fisico.

il naufrago

il naufrago

Dicono che c’era una volta un naufrago che aveva perso tutto, quando, dopo una terribile tempesta, la nave su cui si trovava era affondata in mezzo al nulla ed al mattino era riuscito a nuotare e a mettersi in salvo su un’isola deserta.

Le stagioni dell’anima (2022)

Le stagioni dell’anima (2022)

Questa settimana voglio parlarvi di un libro di quest’anno, di Sharon M. Koenig, Le stagioni dell’anima. 7 passi per scoprire il senso della tua vita, un libro di spiritualità semplice e pratico, che offre risposte alle domande che ci facciamo sempre di più in questo periodo.