Sette minuti dopo la mezzanotte (2016)

Questa settimana mi sono guardata per voi un film molto bello, Sette minuti dopo la mezzanotte, basato sull’omonimo libro, una storia sui mostri reali, come il cancro o il bullismo, e fantastici, come quelli che vengono a trovarci nei nostri incubi, e su come possiamo avere la meglio su di loro.

Racconta la storia di Conor, ragazzino introverso e fragile, che attraversa un momento difficile, a scuola e vittima dei bulli, la mamma ha il cancro e con gli altri membri della famiglia il rapporti non sono facili. Si sente molto solo e si tiene tutto dentro, fino a quando arriva un mostro che lo obbliga a tirarlo fuori.

Se non l’avete visto, ve lo consiglio, è una bellissima storia che dimostra come le cose non sempre sono quello che sembrano, le persone non sono nè buone nè cattive, i mostri non sempre vengono per farci del male, i sogni e l’immaginazione possono cambiare tutto, peggiorandolo o migliorandolo e, soprattutto, che le fiabe e le storie per bambini non diventano inutili crescendo, possono sempre esserci di aiuto, a qualsiasi età.

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Sii scettico, ma impara ad ascoltare. Non credere a te stesso e a nessun altro

Don Miguel RuizDon Miguel RuizIl Quinto Accordo

 

Tu puoi cambiare la tua vita (2018)

Tu puoi cambiare la tua vita (2018)

Anche questa settimana mi sono letta un libro di Emmet Fox, meraviglioso, Tu puoi cambiare la tua vita. Un libro sulla preghiera scientifica come soluzione a tutti problemi della vita, come una forma di chiedere aiuto a qualcuno più potente e più utile.

10 regole per fare innamorare (2012)

10 regole per fare innamorare (2012)

Questa settimana mi sono guardata, sempre su Netflix, un’altra commedia francese sui problemi delle famiglie di oggi giorno, sulle pressioni a cui ci sottopone la società, sempre più esigente soprattutto con le apparenze: Guida alla famiglia perfetta.

il momento giusto

il momento giusto

Dicono che c’era una volta un professore universitario molto amato per la comprensione che dimostrava, non solo della sua materia, ma anche del mondo in cui viviamo, che un giorno vide arrivare tardi in classe uno dei suoi allievi preferiti. Era in ritardo e si vedeva che si sentiva in colpa.