questione di fiducia

10 Apr 19

 La settimana prossima, all’evento di facciamo pace, parleremo di come gestisce la bestia l’argomento fiducia e di come costruire ognuno di noi una fiducia da bestia. Una fiducia in se stessi a prova di bombe, con i pensieri giusti, le parole giuste, le azioni giuste e creando le abitudini giuste.

Ieri dicevamo che spesso la fiducia è sopravalutata perchè il nostro bisogno di poter fidarci degli altri è legato alla mancanza di fiducia in noi stessi. Infatti, la bestia ha tanta fiducia in se stessa da non avere bisogno di fidarsi degli altri.

E questo non vuol dire che non si aspetti nulla dagli altri, ma non le cose fondamentali, quelle le fa da sola. Quelle non le delega, le tiene sotto la sua stretta responsabilità.

In amore sa amare se stessa e sa creare amore da dare al partner e non solo. Sa cosa vuole e cosa può chiedere agli altri e cosa non può, perchè sa come funziona il mondo, conosce le leggi della natura e dell’universo.

In amicizia sa di dover scegliere gli amici, sa che è più importante essere un buon amico che pretendere dagli amici che lo siano. Sa di non poter giudicare perchè non ha tutte le informazioni, perciò non da mai niente per scontato.

Al lavoro sa lavorare e conosce il suo valore, cerca clienti, fornitori e collaboratori che facciano la loro parte ma ha una tale fiducia in se stessa da essere sempre pronta a cambiare lavoro se non la rende felice.

Cosa ne pensate? Vi ho incuriositi? Venite e continueremo il discorso…

0 Comments

Submit a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Don Miguel RuizDon Miguel RuizI Quattro Accordi

Terzo accordo: Non supporre nulla. Il modo per evitare di fare supposizioni è quello di fare domande. Assicuratevi che la comunicazione sia chiara. Se non capite, chiedete.

L come libertà (di opinione)

L come libertà (di opinione)

Un’altra parola molto importante per il Vocabolario possitivo e un tema di cui si parla molto in questi giorni è la libertà di espressione, di opinione, che molti pensiamo stia sparendo di nuovo per mano di quelli che fino a poco fa la chiedevano a grandi voci. Quando erano loro a non poter dire quello che pensavano, a essere perseguitati per le loro idee e a essere “contro-corrente”.

rimedio contro la morte

rimedio contro la morte

Dicono che c’era una volta, all’epoca del Buddha, una donna a cui morì il suo unico figlio. La donna era disperata, non riusciva a lasciare che lo seppellissero, convinta che ci fosse un errore, il giorno prima stava bene e quello dopo non si era svegliato.